Diritto e Fisco | Articoli

Come sapere se il defunto ha lasciato un testamento

29 marzo 2015


Come sapere se il defunto ha lasciato un testamento

> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 marzo 2015



Eredi legittimi o meno: come scoprire se il notaio è in possesso di un testamento e lo ha già pubblicato.

Anche per i parenti vale il detto secondo cui non basta una vita per conoscere una persona. E se questo è vero durante la loro vita, ancor di più vale una volta decedute. Così, non poche volte, si è nella totale incapacità di sapere se il defunto abbia lasciato un testamento ed, eventualmente, a chi rivolgersi per saperlo.

A meno di non essere noi stessi i depositari delle altrui ultime volontà o di avere la matematica certezza che il compianto non abbia fatto in tempo a scrivere il proprio testamento, ecco alcuni suggerimenti utili da cui partire.

Esistono tre forme di testamento. Partiamo da quelle il cui originale è nelle mani del notaio. Si parla, a riguardo, di:

testamento segreto: è quello redatto, su carta semplice, dal testatore, ma poi consegnato al notaio perché lo custodisca sino alla morte del primo. Non appena il notaio viene a conoscenza della morte del testatore, apre la busta sigillata, che contiene il testamento, e lo pubblica redigendo, nella forma degli atti pubblici, verbale nel quale descrive lo stato del testamento, ne riproduce il suo contenuto e fa menzione della sua apertura.

testamento pubblico: è quello redatto dal notaio, e quindi con atto pubblico, alla presenza del testatore e di due testimoni. In questo caso non c’è bisogno di pubblicazione, perché il testamento è già pubblico.

In entrambi i casi, è onere del notaio, appena viene a sapere della morte del testatore, informare gli eredi. Per cui, in assenza di una “chiamata”, è facile immaginare che non esista un testamento pubblico o segreto.

Il problema, in teoria, si potrebbe porre per la terza forma di testamento, ossia quello olografo, che è quello scritto dal testatore e da quest’ultimo conservato o, come nella prassi succede, consegnato (in un secondo originale) ad una terza persona di fiducia del testatore stesso affinché lo custodisca.

Anche in questo caso, dicevamo, il problema è solo teorico. E questo perché se qualcuno degli eredi è in possesso di un testamento olografo, ha l’obbligo – per poterlo fare valere – di consegnarlo a un notaio per la cosiddetta “pubblicazione”. Peraltro l’occultamento di testamento olografo costituisce reato.

In verità, alla pubblicazione del testamento vengono chiamati solo gli eredi interessati al testamento stesso e gli eredi legittimi. Per cui  la necessità di “scoprire” se esiste un testamento o meno si pone solo per gli eredi non titolari di una quota di legittima (per esempio un fratello).

In ogni caso, se si ha urgenza e fretta, o si è all’oscuro circa l’esistenza o meno di un testamento olografo, ci si può inizialmente rivolgere al notaio di fiducia, che potrebbe aver curato la pubblicazione.

In seconda battuta, ci si può rivolgere al locale Consiglio Notarile, chiedendo di indagare presso gli iscritti se un tale testamento sia stato depositato (si tratta di una prassi diffusa, ma non obbligatoria).

Se si pensa che possa esistere un testamento pubblico, occorre recarsi presso uno degli uffici del Registro Generale dei Testamenti (tenuto dall’Archivio Notarile), esibendo un certificato di morte: si avrà conoscenza dell’esistenza di un testamento pubblico stipulato da qualsiasi notaio italiano.

Fintanto che non vengono rinvenute disposizioni testamentarie, si presume che la successione sia devoluta per legge: pertanto, ogni chiamato all’eredità avrà diritto – esibendo una dichiarazione sostitutiva di atto notorio da cui si evinca la sua qualifica e la non esistenza di testamento – ad avere informazioni in merito all’asse ereditario (utili soprattutto alla redazione della dichiarazione di successione, da registrare entro un anno dalla morte).

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. non capisco come trovare se mio padre a lasciato un will, come si fa? speravo senza pagare soldi, puoi aiutarmi?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI