HOME Articoli

Lo sai che? Patto di prova del lavoratore: quando l’esito negativo può essere contestato?

Lo sai che? Pubblicato il 30 marzo 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 30 marzo 2015

Sufficientemente specifico il patto di prova che rinvia alla categoria prevista dal contratto collettivo nazionale.

 

Il patto di prova [1] è quell’accordo, tra datore e dipendente, che prevede lo svolgimento di un periodo di lavoro al fine di consentire una miglior valutazione riguardo alla convenienza di un eventuale rapporto di lavoro definitivo. Alla sua scadenza, il datore può decidere liberamente di non confermare il lavoratore.

Tutti sanno che l‘assunzione in prova del prestatore di lavoro deve risultare per iscritto a pena di nullità, ma forse non è così noto che l’unico vero limite del patto è costituito dal fatto che il datore e il prestatore di lavoro sono rispettivamente tenuti a fare in modo che il periodo lavorativo che forma oggetto del patto di prova sia effettivo e probante, cioè possa consentire una valutazione del lavoro da entrambe le parti.

Il lavoratore, in particolare, avrà l’opportunità di valutare l’esperienza e le condizioni lavorative offerte, mentre il datore potrà verificare le effettive competenze e l’attitudine del lavoratore ad integrarsi nel contesto produttivo aziendale.

Pertanto, secondo una giurisprudenza oramai ampiamente consolidata, il patto di prova è nullo in caso di mancata indicazione delle specifiche mansioni (requisito della “specificità”) alle quali verrà adibito il lavoratore durante il periodo di prova.

Per andare più in dettaglio, il requisito della specificità non è soddisfatto né dalla presenza di una generica espressione, alla quale non sia possibile attribuire alcun significato, se non quello dell’individuazione del reparto presso cui sarà adibito il lavoratore, né dal richiamo al livello e alla qualifica previste dalla contrattazione collettiva.

Quindi, affinché il patto sia valido, dovrà essere specificata quantomeno la categoria ed il livello, in relazione al Contratto Collettivo di riferimento, in cui il lavoratore fa parte.

Solo se non è specificato nulla di tutto ciò, il lavoratore ha diritto di contestare la nullità del patto di prova e, conseguentemente, far risultare la sua assunzione in prova quale una vera e propria assunzione a tempo indeterminato sin dall’origine.

La Corte di Cassazione si è recentissimamente espressa in questo senso [2].

Il patto di prova che faccia semplicemente riferimento alla categoria prevista nel contratto collettivo è sufficientemente specifico e, quindi, valido. Il datore di lavoro in questo modo ha la possibilità di assegnare il lavoratore ad uno degli eventuali plurimi profili rientranti nella categoria richiamata, con maggiori opportunità di un suo inserimento nelle attività aziendali.

 

La vicenda

La Corte d’appello di Ancona confermava la pronuncia emessa dal Tribunale di Macerata con la quale veniva rigettata la domanda presentata da un lavoratore per la dichiarazione di nullità del patto di prova a causa dell’indeterminazione delle mansioni affidategli, con conseguente inefficacia dell’atto di recesso del datore di lavoro per omissione della prova lavorativa. Il patto di prova era determinato con semplice riferimento al contratto collettivo, attraverso il rinvio alla prima categoria di operaio generico. Nonostante l’operaio fosse stato inizialmente assegnato alla superiore mansione di verniciatore, la successiva assegnazione alle mansioni di caricamento e trasporto di pezzi destinati alla verniciatura non consisteva, secondo i giudici di merito, in un’alterazione sostanziale dell’oggetto pattuito, rientrando comunque nella definizione di operaio generico alla quale rinviava il patto di prova. Inoltre il ridimensionamento dell’attività a cui era addetto il lavoratore non era stato determinante nella valutazione negativa della prova da parte del datore di lavoro, circostanza che aveva giustificato il recesso dal rapporto da parte del datore di lavoro.

Il patto di prova che rinvia al contratto collettivo è valido

La Corte di Cassazione ricorda che il patto di prova è valido anche ove faccia semplicemente rinvio alla categoria prevista dal contratto collettivo, circostanza che consente di ritenere sufficientemente specificate le mansioni a cui il lavoratore può essere assegnato. In tal modo il datore di lavoro ha la possibilità concreta di collocare il lavoratore in posizioni alternative all’interno della struttura aziendale, offrendo al contempo maggiori chance di inserimento.

note

[1] Art. 2096 cod. civ.

[2] Cass. sent. n 665/15 del 16.01.2015.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI