Diritto e Fisco | Articoli

Locazione scaduta: l’inquilino deve comunicare il cambio di residenza

1 Aprile 2015
Locazione scaduta: l’inquilino deve comunicare il cambio di residenza

Che fare se l’ex conduttore non comunica all’Anagrafe del Comune il cambio di residenza: segnalazione alle autorità e sanzioni amministrative.

Quando, alla scadenza di un contratto di locazione, l’inquilino lascia l’appartamento dove ha vissuto fino a quel momento, ha l’obbligo giuridico di recarsi all’ufficio anagrafe del Comune ove è situato detto immobile e comunicare il proprio cambio di residenza in una nuova abitazione; se non lo fa, il padrone di casa può segnalare il fatto alle autorità (in particolare all’Ufficiale di Stato Civile). In tal caso, per l’ex conduttore scatta una sanzione di carattere amministrativo.

La legge italiana [1] impone a tutti i cittadini l’iscrizione all’anagrafe del Comune ove è fissata la dimora abituale. Inoltre alla stessa anagrafe vanno comunicati tutti i successivi mutamenti di indirizzo: un obbligo che scatta entro 20 giorni dal trasferimento (la comunicazione può essere fatta da un membro qualsiasi della famiglia purché maggiorenne). Ciò vale non solo nel caso di cambio di residenza da un Comune a un altro, ma anche nelle ipotesi in cui il cambio di dimora avvenga nell’ambito dello stesso Comune di residenza. Anche il semplice mutamento di numero civico, nell’ambito della stessa strada, è un fatto che va comunicato all’anagrafe.

La conseguenza è che tale obbligo scatta anche per l’inquilino una volta che, cessato il contratto di locazione, debba abbandonare l’immobile dove era in affitto. In particolare, l’ex conduttore è tenuto a comunicare il cambio di abitazione all’ufficiale di stato civile del Comune ove era situato l’immobile preso in locazione, anche se il successivo appartamento dove andrà a vivere si trovi situato nello stesso Comune, ma in un’altra via. Se poi egli andrà ad abitare in un diverso Comune, la comunicazione di cambio di residenza andrà duplicata: una prima volta presso il vecchio Comune di residenza e una seconda presso il nuovo.

Che fare se l’ex inquilino non cambia residenza?

La mancata comunicazione del conduttore all’ufficio dell’anagrafe potrebbe portare non pochi inconvenienti per il proprietario dell’immobile come il trovarsi la cassetta della posta piena di corrispondenza indirizzata al vecchio inquilino, il dover declinare le raccomandate a.r. al postino, ecc.; senza contare poi la possibilità di eventuali tentativi di pignoramento mobiliare presso l’abitazione del debitore da parte dell’ufficiale giudiziario.

Allora, al locatore che voglia porre fine a tale situazione e “regolarizzare” le risultanze al Comune, non resta che rivolgersi alle autorità competenti e, in particolare, allo stesso ufficio anagrafe a cui il conduttore avrebbe dovuto fornire la comunicazione.

La legge [2] infatti stabilisce che l’Ufficiale di Stato civile può disporre le indagini per accertare le eventuali violazioni agli obblighi appena citati; egli può anche invitare le persone inadempienti a presentarsi presso lo stesso ufficio per fornire le notizie e i chiarimenti necessari alla regola tenuta dell’anagrafe. Può interpellare, allo stesso fine, gli enti, amministrazioni e uffici pubblici o privati.

A questo punto, l’Ufficiale di Stato civile effettua le indagini opportune e, comunicati gli esiti delle stesse, applica nei confronti dell’ex inquilino una sanzione che ancora risulta rapportata alle vecchie lire: da 50mila a 250mila lire [3].


note

[1] Art. 2, 1° co., legge 1128/1954: “È fatto obbligo ad ognuno di chiedere per sé e per le persone sulle quali esercita la patria potestà o la tutela, la iscrizione nell’anagrafe del Comune di dimora abituale e di dichiarare alla stessa i fatti determinanti mutazione di posizioni anagrafiche, a norma del regolamento, fermo restando, agli effetti dell’art. 44 del Codice civile, l’obbligo di denuncia del trasferimento anche all’anagrafe del Comune di precedente residenza”.

[2] DPR n. 223 del 1989, regolamento di attuazione alla l. n. 1128/1954.

[3] Art. 15 del d.p.r. 228/89s

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube