Diritto e Fisco | Articoli

Eredi: responsabilità pro quota e non per le sanzioni sulle tasse

1 Aprile 2015
Eredi: responsabilità pro quota e non per le sanzioni sulle tasse

I coeredi non sono responsabili solidali per il pagamento dell’imposta non versata dal de cuius, ma solo pro quota.

Annullata la cartella esattoriale di Equitalia che chiede il pagamento integrale dell’imposta e delle relative sanzioni per il soggetto che, nel frattempo, è deceduto. E questo per due importanti motivi.

Il primo, e preliminare: nell’ambito del diritto tributario, quando si è in presenza di più debitori (come nel caso di coeredi), la responsabilità solidale è l’eccezione (si ha responsabilità solidale quando il creditore può chiedere il pagamento dell’intera somma anche ad uno solo dei debitori, salvo poi, per chi paga, esercitare il diritto di regresso nei confronti degli altri, per la restituzione di quanto anticipato). Al contrario, in materia di imposte e tributi, ciascuno dei coeredi risponde solo per la sua quota [1].

Risultato: è nulla la cartella sull’intero debito notificata a uno soltanto degli eredi. Il fisco, al contrario, dovrebbe inviare, per ciascun erede, un’autonoma e distinta cartella di pagamento, il cui importo non è pari al debito complessivo, ma rispecchia la (minore) quota di eredità di cui il singolo destinatario del plico è successore.

A ciò si aggiunge un secondo motivo di nullità: gli eredi rispondono (sempre “pro quota”) solo della sorte capitale e, quindi, non delle sanzioni per l’omesso versamento del tributo da parte del soggetto deceduto.

È quanto affermato dalla Commissione Tributaria Regionale della Sicilia con una recente sentenza [2].

Già la Cassazione, in passato [3], aveva affermato il principio secondo cui gli eredi rispondono solo pro quota in base alla regola generale prevista dal codice civile [1]. Ciò perché, in diritto tributario, la corresponsabilità opera solo se espressamente previsto dalla legge, come, ad esempio,

– in tema delle imposte sui redditi [4],

– in tema di imposta di successione [5],

– in tema di imposta di registro [6].

In tutti gli altri casi, invece, vige la responsabilità limitata solo alla quota ottenuta in eredità.


note

[1] In base al principio generale di cui all’articolo 1295 cod. civ.

[2] CTR Sicilia sent. n. 439 del 9.02.2015.

[3] Cass. sent. n. 780/2011.

[4] Ex art. 65 del Dpr 600/73.

[5] Ex art. 36 D.Lgs. 346/90.

[6] Ex art. 57 Dpr 131/86.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube