Pensioni 2015, ultime novità riforma, quota 96 e Opzione donna

2 Aprile 2015 | Autore:
Pensioni 2015, ultime novità riforma, quota 96 e Opzione donna

Prosegue il susseguirsi di proposte per riformare il settore previdenziale, con particolare riguardo ai requisiti d’accesso alla pensione.

Dal 2012, anno di entrata in vigore del Decreto Salva-Italia, meglio conosciuto come la famigerata Riforma Monti-Fornero [1], il panorama pensionistico italiano non ha conosciuto pace: moltissimi, infatti, sono stati i soggetti seriamente danneggiati dall’inasprimento dei requisiti per l’accesso alla quiescenza.

È pur vero che esistono alcune deroghe alla normativa, come l’Opzione Donna (che consente alle lavoratrici di pensionarsi a 57 anni e 3 mesi d’età, con 35 anni di contributi, optando per il calcolo contributivo dell’assegno), il Salvacondotto per i nati del 1951 e 1952, le normative di Salvaguardia, ed ulteriori agevolazioni per gli addetti a lavori usuranti, notturni, e per i comparti di pubblica sicurezza e sanità. Tuttavia, le eccezioni elencate non sono sufficienti alla risoluzione dell’enorme piaga sociale che è stata generata dalla Riforma, con un numero enorme di soggetti che si ritrova senza stipendio e senza pensione, e con altrettanti giovani disoccupati a causa del blocco del turnover generato dai pensionamenti tardivi.

Allo stato attuale, la situazione si preannuncia ancora più grigia, con i nuovi incrementi dei requisiti di età e contribuzione legati alla speranza di vita: dal primo gennaio 2016, entrambi i parametri saliranno di ben 4 mesi.

Modificare la normativa è un compito arduo, poiché il Salva Italia, abbinato agli incrementi periodici, garantisce allo Stato ben 80 miliardi di entrate extra sino al 2020: in questo senso si sono mosse le dichiarazioni del Consigliere economico di Renzi, Yoram Gutgeld, e dell’ex ministro Corrado Passera, che sembrano allontanare ogni innovazione.

Tuttavia, molti politici, nonostante siano consci delle problematiche economiche legate alla questione, si sono resi conto che proseguire verso un progressivo e rigido inasprimento dei requisiti pensionistici porti comunque ripercussioni negative nelle casse erariali, con un nutrito numero di famiglie che ritrovandosi prive di reddito, hanno comunque bisogno di sussidi pubblici.

A questo proposito, Cesare Damiano, il Presidente della Commissione Lavoro della Camera, ha formulato due nuove proposte, battezzate “Quota 97 e Quota 100”: esse consentirebbero di accedere alla pensione a partire dai 62 anni d’età, con 35 anni di assicurazione, con una penalizzazione graduale, pari al massimo all’8%.

Il partito Sel ha poi proposto l’istituzione di nuove tabelle per l’accesso al trattamento pensionistico, basate su età anagrafica ed annualità di contribuzione, diversificate in base alla tipologia d’impiego svolto: tale programma ha subito trovato riscontri positivi, in specie da parte di chi riteneva molto limitativi i requisiti previsti per entrare nella “cerchia” degli addetti ai lavori usuranti; ad esempio, mansioni come quelle di un manovale, pur essendo insindacabilmente faticose, non rientrano nella normativa degli impieghi usuranti, a meno che non si tratti di lavori effettuati in miniere o cave, in spazi angusti, o, ancora, sia implicata asportazione dell’amianto.

Un’altra proposta è giunta, in questi giorni, dal leader del Partito Italia Nuova, che ha avanzato la possibilità di pensionare i soggetti con 35 anni di contribuzione, con un assegno pari ad € 800 euro ,per 14 mensilità; per i soggetti con 40 anni di contributi, l’ammontare sarebbe pari, invece, a € 1.000. Il tutto, senza prendere in considerazione l’età anagrafica. L’idea ha già ottenuto l’appoggio del leader della Lega e addirittura dell’Inps : in particolare, si è a favore di un assegno così “forfettizzato”, in quanto in tanti, a causa del calcolo contributivo, rischiano, un domani, di trovarsi molto al di sotto della soglia di povertà; con un simile calcolo, il pericolo sarebbe scongiurato..

L’ultimo suggerimento arriva, infine, da Landini, che, in parallelo a quanto formulato da Damiano, propone un abbassamento dell’età pensionabile tra i 60 ed i 62 anni, ma senza riferimento alle quote.

Come andrà a finire il dibattito? Al momento non esistono certezze, né una proposta più probabile rispetto alle altre; certo è che, se non una vera e propria riforma, delle notevoli innovazioni, o un’estensione di deroghe, dovranno essere effettuate in tempi non biblici, a causa dell’insostenibilità delle problematiche sociali connesse, che comportano, comunque, pesanti esborsi da parte dello Stato.


note

[1] D.L. 201/2011.

Autore immagine 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube