Diritto e Fisco | Articoli

Anticipo della pensione per riconoscimento d’invalidità, chi ne ha diritto?

6 Aprile 2015 | Autore:
Anticipo della pensione per riconoscimento d’invalidità, chi ne ha diritto?

Quali sono i requisiti per poter anticipare l’accesso alla pensione, per i soggetti ai quali sia stata assegnata una determinata percentuale d’invalidità, e come richiedere il riconoscimento di aggravamenti ed handicap.

 

Domanda: “Sono dipendente comunale dal giugno 1980 ed ho provveduto a riscattare 8 mesi di contributi di lavoro effettuato prima. Sono nato il 17/2/1959 ed ho, ad oggi, 56 anni appena compiuti e due mesi circa di contributi. Ho invalidità civile riconosciuta nel 1979 al 35% , oltre al riconoscimento di invalidità da causa di servizio (infortunio), anche se non ha dato luogo all’attribuzione di punteggio e/o indennità. Negli ultimi anni ho subito due interventi al cuore. Come e quando potrò abbandonare il lavoro? Anche se si trattasse di perdere qualche piccola percentuale… “

Risposta: In merito ai requisiti per il pensionamento, correlati all’invalidità civile ed al possesso d’invalidità per causa di servizio, occorre una premessa.

Innanzitutto, il Decreto Salva Italia[1] ha abrogato esplicitamente le norme sulla causa di servizio, l’equo indennizzo e la pensione privilegiata per i dipendenti pubblici, per i quali permane unicamente il diritto a richiedere l’aggravamento per patologie già riconosciute.

Per titolari di causa di servizio e per coloro che hanno inoltrato richiesta di riconoscimento di causa di servizio e/o dei benefici a questa collegati, prima dell’entrata in vigore del Salva Italia, permangono le norme preesistenti ; pertanto, spettano tutti i benefici già acquisiti, compresa la possibilità di richiedere il riconoscimento dell’aggravamento, nel rispetto dei termini di legge (entro sei mesi dalla data in cui si è verificato l’evento dannoso, o da quella in cui l’interessato ha avuto conoscenza della maggior gravità e delle conseguenze invalidanti).

Secondo quanto previsto dalla Finanziaria 2001 [2], agli invalidi per servizio, con infermità ascritte alle prime 4 categorie della “tabella A” [3], a decorrere dal 1 gennaio 2002, è riconosciuto, a domanda, per ogni anno lavorato, il beneficio di due mesi di contribuzione figurativa, fino al limite massimo di 5 anni.

Purtroppo, però, le prime 4 categorie della Tabella A concernono soltanto lesioni o infermità che danno diritto a pensione vitalizia o ad assegno temporaneo; da quanto descritto nella Sua domanda, invece, il Suo riconoscimento d’ invalidità da causa di servizio non ha dato luogo all’attribuzione di punteggio e/o indennità. Pertanto, sulla base di quanto riferito, il beneficio della contribuzione figurativa non può essere riconosciuto.

Tale agevolazione contributiva è comunque conferita non solo alla categoria appena descritta, ma anche ai soggetti portatori di handicap [4].

Lei, nella Sua richiesta, non ha specificato tale riconoscimento, ma solo il possesso d’invalidità civile al 35%: bisogna sottolineare, però, che l’accertamento dell’handicap è una questione distinta dall’ipotesi dell’invalidità .

Come indica la normativa [5], infatti: “È persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.

La certificazione dello stato di handicap sottolinea dunque le ripercussioni sociali che una persona può avere nella vita quotidiana, per effetto della sua minorazione.

L’invalidità, invece, è intesa come la difficoltà a svolgere alcune funzioni quotidiane, per effetto di limitazioni fisiche, psichiche, intellettive, visive o uditive.

Il certificato di invalidità civile, dunque, riguarda esclusivamente una valutazione medico-legale, e non sociale.

Lei scrive anche che, recentemente, ha subito due interventi al cuore: è dunque probabile che ciò abbia peggiorato le Sue condizioni fisiche, e che possa comportare una maggiore percentuale d’invalidità civile e/o uno stato di handicap.

Per ottenere uno o entrambi i riconoscimenti, previa consultazione col Suo medico, occorre presentare domanda all’INPS.

Questa procedura si struttura in tre fasi:

– il medico curante compila il certificato introduttivo e lo trasmette all’INPS;

– il cittadino presenta all’INPS la domanda telematica (direttamente dal sito istituzionale, o tramite patronato), da abbinare al certificato medico;

– in seguito, si verrà convocati per l’accertamento, presso la commissione medica.

Fatte queste necessarie considerazioni, veniamo ora al Suo ultimo quesito: come e quando poter lasciare il lavoro.

Come abbiamo osservato, la Sua contribuzione potrebbe aumentare, nella misura di 2 mesi per ogni annualità, qualora ottenga il riconoscimento di un handicap; se, invece, ottenesse la sola attribuzione di una maggiore percentuale d’invalidità, non avrebbe diritto all’agevolazione contributiva: tuttavia, se tale percentuale raggiungesse il 100%, avrebbe diritto immediatamente alla pensione d’inabilità, previa cessazione dal servizio.

Nell’ipotesi, invece, in cui nulla Le fosse riconosciuto, l’attesa si prospetterebbe piuttosto lunga: in base alla riforma delle pensioni , ed in base agli incrementi previsti per l’aspettativa di vita, difatti, raggiungerebbe i requisiti validi per la pensione anticipata solo nell’aprile 2023, con 43 anni e mezzo di contribuzione (al 31.03.2015, in base alle informazioni fornite, abbiamo calcolato 35 anni, 5 mesi e 15 giorni). Per la pensione di vecchiaia dovrebbe addirittura aspettare, in base agli incrementi periodici, 67 anni e 6 mesi d’età.

Purtroppo, da quanto esposto, Lei non rientra nemmeno in una delle fattispecie di lavori usuranti, (le mansioni sono descritte da un apposito decreto [6]del Ministro del Lavoro), né nell’ipotesi di lavoro notturno ; ad ogni modo, anche qualora appartenesse ad una delle suddette categorie, avrebbe dovuto possedere una quota pari a 97,3 (età anagrafica più anzianità contributiva), con almeno 35 anni di contributi e 61 anni e 3 mesi di età.


note

[1] Articolo 6 , D.L. 201/2011.

[2] Art. 80, Co.3 , L. 388/2001.

[3] DPR n. 834/ 1981.

[4] L. 104/1992.

[5] Art. 3, Co. 1, L. 104/1992.

[6] Art. 2, Decr. 19/5/1999, Min. Lavoro.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Mi hanno fatto una proposta la commissione medica legale d’invalidità civile D’avvragramento dell’Inps. Alla visita. Inabilita lavorativa permanente al 100%- vorrei sapere delle informazioni più dettagliate! Grazie. Su questa proposta che. Mi hanno fatto la commissione medica INPS. Al verbale della visita.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube