Diritto e Fisco | Articoli

Assegno di divorzio: criteri per la determinazione e rilevanza dell’eredità

7 Aprile 2015 | Autore:
Assegno di divorzio: criteri per la determinazione e rilevanza dell’eredità

Tra i diversi fattori ai quali il giudice del divorzio deve parametrarsi nel determinare la misura dell’assegno, può influire anche l’eredità che comporti un incremento nel patrimonio del coniuge obbligato e del divario tra le situazioni economiche di marito e moglie.

Come fa il giudice a determinare l’ammontare dell’assegno divorzile? Deve uniformarsi a quello di mantenimento oppure esistono altri parametri ai quali deve rifarsi? Ha dato risposta a questa domanda una recente pronuncia della Cassazione [1].

In particolare la Suprema Corte, ha chiarito che:

– l’assegno di divorzio deve tendere a garantire al beneficiario il mantenimento del tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale: criterio questo – lo ricordiamo – proprio di recente dichiarato legittimo dalla Corte Costituzionale;

– un indice di detto tenore di vita può essere rappresentato dall’attuale disparità di posizioni economiche dei coniugi [2];

– il giudice può liberamente valutare l’entità dell’assegno di mantenimento stabilito con la separazione per ricostruire il tenore di vita dei coniugi durante la convivenza, nonostante l’assegno divorzile abbia differente natura, presupposti e finalità rispetto ad esso [3] (per un approfondimento leggi: Assegno di divorzio: quanto dipende da quello di separazione?);

– il divario sussistente tra le attuali condizioni di marito e moglie può essere valutato anche ai fini della determinazione stessa dell’assegno di divorzio: nello specifico, anche la disponibilità patrimoniale acquisita in via ereditaria rappresenta una voce reddituale di cui tener conto [4];

– in sede di divorzio il giudice non deve considerare i soli elementi di novità rispetto al momento della separazione, ma deve procedere ad un autonomo riesame della posizione economica dei coniugi.

Quando perciò – tenuto conto di tutte queste circostanze – il giudice rilevi che il divario economico tra marito e moglie sia aumentato rispetto al periodo della separazione e che la posizione del coniuge obbligato al versamento dell’assegno sia migliorata (anche in ragione di un lascito ereditario), potrà legittimamente prevedere (come nel caso all’esame della Suprema corte) un aumento dell’assegno divorzile al coniuge economicamente più debole.


Il giudice nello stabilire la misura dell’assegno di divorzio non deve necessariamente uniformarsi all’entità dell’assegno di mantenimento stabilito con la separazione, ma deve tener conto della sussistenza di una attuale disparità economica tra i coniugi valutata sulla base di una serie di circostanze tra le quali anche l’eventuale eredità che abbia accresciuto il patrimonio del coniuge obbligato.

note

[1] Cass. ord. n. 4285 del 3.03.2015.

[2] Cass. sent. n. 2156/10.

[3] Cass. sent. n. 2582/10.

[4] Cass. sent. n. n. 23508/2010 .

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube