Diritto e Fisco | Articoli

No interessi sul mutuo se la somma fra corrispettivi e moratori è oltre usura

7 Aprile 2015
No interessi sul mutuo se la somma fra corrispettivi e moratori è oltre usura

Dal tribunale di Enna una sentenza in controtendenza: la banca perde la restituzione degli interessi sul finanziamento per colpa del superamento del tasso usurario.

Benché la stragrande maggioranza dei tribunali non fa che predicare il contrario, per il Tribunale di Enna l’usura sul mutuo scatta molto facile: ossia sommando gli interessi moratori a quelli corrispettivi. Risultato: è più facile per il correntista evitare di restituire parte del finanziamento ottenuto dalla banca. La sentenza [1] è dell’inizio dell’anno e, certamente, farà discutere parecchio.

Secondo il tribunale siciliano, per verificare se il mutuo presenti o meno tassi usurari, bisogna prendere gli interessi corrispettivi (quelli, cioè, previsti dal contratto come normale corrispettivo per il prestito di denaro) e sommarli agli interessi moratori (che, invece, scattano solo nel caso di mancato pagamento o ritardato pagamento da parte del correntista). Se il risultato dell’addizione è superiore all’usura, ossia al tasso medio risultante dall’ultima rilevazione ministeriale aumentato della metà, il privato non deve più restituire gli interessi alla banca e vince l’eventuale opposizione al decreto ingiuntivo notificatogli dal creditore.

Stando a quanto si legge in sentenza, la legge [2] ha stabilito che la natura usuraria dei tassi di interesse va determinata in riferimento al momento della convenzione e non a quello della dazione del denaro. Inoltre, in tema di contratto di mutuo, la stessa legge [3] – secondo cui la fissazione di un tasso soglia al di là del quale gli interessi pattuiti devono considerarsi usurari – riguarda sia gli interessi corrispettivi che quelli moratori: ne consegue che, quando la misura degli interessi indicata in contratto, e tra loro sommati, risulta superiore al tasso soglia antiusura, il mutuo è parzialmente nullo. O meglio, la nullità si riferisce solo alla clausola sulla restituzione degli interessi; per cui, non sono più dovuti interessi [4].

La vicenda

Nel caso deciso dal tribunale di Enna, il contratto di mutuo impugnato dal correntista, che aveva ricevuto dalla banca un decreto ingiuntivo, stabiliva che gli interessi moratori andavano calcolati a un tasso pari a 2 punti in più del tasso degli interessi corrispettivi. Il tasso di questi ultimi era convenuto nel 5,22%, per cui gli interessi moratori erano pari al 7,22% (ossia 5,22% più 2%). La loro sommatoria risultava così pari a 12,44% (5,22% + 7,22%), misura ritenuta dal giudice superiore all’usura, ossia al tasso medio risultante dall’ultima rilevazione ministeriale aumentato della metà, applicabile alla data di stipula del contratto oggetto del giudizio, vale a dire 8,475% (5,65 più 2,825), come risulta dalle rilevazioni dei tassi di interesse prodotte da parte opponente.


note

[1] Trib. Enna, sent. del 12.01.2015.

[2] DL. n. 394/00 art. 1, convertito con modifiche nella L 24/2001 di interpretazione autentica della legge n. 108/1996.

[3] Legge n. 108/1996.

[4] In applicazione dell’art. 1815 co. 2, cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube