Diritto e Fisco | Articoli

Assicurazione: come evitare, dopo l’incidente, l’aumento del premio

7 Aprile 2015
Assicurazione: come evitare, dopo l’incidente, l’aumento del premio

Dopo un sinistro stradale di cui sono responsabile la mia classe bonus/malus è aumentata: come posso evitare la penalizzazione avendo, all’epoca, scelto di dare i miei dati dell’assicurazione e non, invece, di pagare di tasca mia il danneggiato?

Sarà capitato a tutti che, di fronte a un incidente stradale causato da propria responsabilità, sia sorto il dubbio se convenga di più fornire i dati della polizza e far risarcire il danno all’assicurazione oppure pagare di tasca propria (ne abbiamo parlato in “Meglio fare l’assicurazione o risarcire?”). Nel primo caso, è solo apparente il fatto che non si debba pagare alcunché; infatti, scatta una classe più alta e quindi la polizza è più cara. Chi abbia fatto tale scelta non poche volte se ne pente a conti fatti. Ma è possibile tornare indietro? Si, ed ecco come.

Di norma le polizze di assicurazione contemplano la possibilità di evitare le maggiorazioni di premio dovute al meccanismo del bonus/malus rimborsando alla compagnia, al momento del rinnovo del contratto di assicurazione, le somme pagate dalla compagnia per un sinistro cagionato da colpa del proprio assicurato. È quello che viene comunemente definito “riscatto del sinistro”.

Così facendo, per la compagnia è come se l’assicurato non avesse fatto nessun sinistro e, quindi, sarà assegnato alla classe di merito che aveva in precedenza, prima di fare l’incidente.

Esistono, comunque, su internet diversi calcolatori virtuali che consentono di valutare se sia conveniente o meno riscattare il sinistro stradale.

La procedura da seguire per riscattare il sinistro varia a seconda che esso sia stato risarcito nell’ambito della procedura d’indennizzo diretto oppure nell’ambito della procedura ordinaria (per la differenza tra i due casi leggi “Incidente stradale: tutto su cid, risarcimento e indennizzo diretto”). Nel primo caso, l’assicurato interessato al riscatto si deve rivolgere non alla propria compagnia, ma alla Stanza di compensazione presso la CONSAP (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici S.p.A., via Yser 14, 00198 Roma) per conoscere l’importo dei sinistri pagati dalla compagnia assicurativa dei quali è responsabile, oppure all’intermediario (agente, broker) che potrà effettuare, per conto suo, la suddetta richiesta.

La richiesta alla Stanza di compensazione può essere effettuata anche attraverso fax (06.85.796.546/547) oppure per email (rimborsistanza@consap.it), oppure tramite il modulo online presente sul sito della Consap.

Ricevuta la domanda, la Stanza di compensazione provvederà a comunicare, attraverso lettera raccomandata, al domicilio indicato dall’interessato nella propria richiesta, l’ammontare dell’importo da rimborsare direttamente alla Stanza di compensazione. Il pagamento dovrà avvenire tramite bonifico bancario alle coordinate che la stessa Stanza indicherà.

Effettuato il pagamento, la CONSAP S.p.A. invierà all’assicurato un’attestazione con cui quest’ultimo, una volta presentata alla propria compagnia, potrà chiedere la riclassificazione del contratto e, quindi, la non applicazione di una classe di merito più svantaggiosa.

Qualora invece il sinistro non rientri nell’ambito della procedura di risarcimento diretto, il diritto riscatto va esercitato direttamente nei confronti della propria compagnia. A tal fine, si consiglia di rivolgersi al proprio agente di zona per maggiori dettagli.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube