Rc auto: tagliando non più sul parabrezza; cambia l’assicurazione

9 Aprile 2015
Rc auto: tagliando non più sul parabrezza; cambia l’assicurazione

Contrassegno cartaceo non più da esporre, il controllo si farà con la targa: cosa cambia dal 18 aprile.

Dal 18 aprile 2015 cambia l’assicurazione rc-auto. Va in soffitta il vecchio contrassegno cartaceo che non dovrà essere più esposto sul parabrezza: i controlli, infatti, verranno effettuati direttamente tramite controllo elettronico della targa dell’automezzo. A tal fine, verranno utilizzate le telecamere di autovelox, Ztl e tutor che, una volta omologate per tali controlli, non serviranno più soltanto a svolgere la loro funzione “tradizionale”, ma verranno impiegati anche per rivelare l’eventuale mancata copertura assicurativa.

A prevedere il nuovo “controllo telematico” del pagamento del premio, attraverso il numero di targa, era stato il famoso decreto liberalizzazioni del 2012 che, al fine di evitare la contraffazione dei contrassegni e ridurre al minimo il rischio di auto non assicurate in circolazione sulle strade (fenomeno estremamente diffuso in Italia: sono circa 3,5 milioni i veicoli privi di polizza) aveva previsto i controlli elettronici automatici a distanza e la costituzione una banca dati costituita dalla pubblica amministrazione in collaborazione con tutte le compagnie assicurative. Il decreto, però, ha avuto un lungo periodo di gestazione per consentire alla PA e alle compagnie di adeguarsi alla riforma.

Inoltre, dal prossimo 18 ottobre, le telecamere di autovelox, Ztl e tutor dovranno essere omologate in modo da consentire di verificare – e poi comunicare alle autorità – se l’auto è assicurata o meno. Alle compagnie assicurative, invece, è dato termine fino al 18 aprile per intervenire sui propri database e adeguarli alla normativa nuova.

Diverse città italiane si sono già uniformate al controllo elettronico delle polizze attraverso il sistema Targa System in grado di verificare eventuali violazioni, inclusa la regolarità dell’assicurazione.

Ricordiamo che la nostra legge prevede, in caso di mancata copertura assicurativa, multe che vanno da 841 a 3.366 euro, oltre al sequestro del veicolo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube