Diritto e Fisco | Articoli

Licenziamento per inidoneità fisica: occorre provare l’impossibilità di ricollocamento

13 Aprile 2015 | Autore:
Licenziamento per inidoneità fisica: occorre provare l’impossibilità di ricollocamento

È illegittimo il licenziamento per la sopravvenuta inidoneità fisica del lavoratore allo svolgimento delle mansioni se manca la prova da parte del datore di non aver potuto adibire il dipendente a mansioni differenti.

Va confermata la illegittimità del licenziamento intimato al lavoratore per via della sopravvenuta inidoneità fisica alle mansioni assegnategli quando il datore di lavoro non abbia provato in giudizio l’impossibilità di adibire il dipendente a differenti mansioni di pari livello.

È quanto emerge da una recente pronuncia della Cassazione [1].

In particolare, i Supremi giudici hanno sottolineato che non è sufficiente che il licenziamento sia avvenuto dopo la visita del medico competente se, tuttavia, non sia ancora intervenuto il giudizio della commissione sanitaria e non vi sia stata la preventiva valutazione dell’idoneità del lavoratore allo svolgimento di diverse mansioni, compatibili con il suo stato di salute.

Se da un lato è vero, infatti, che l’inidoneità fisica del lavoratore legittima il licenziamento quando l’esercizio delle mansioni lavorative assegnate sia di pregiudizio al suo stato di salute, tuttavia, la Corte ricorda – richiamandosi ad una sua precedente sentenza [2] – che deve essere il datore di lavoro a dar prova al giudice di non aver potuto assegnare il dipendente a diversi incarichi (cosiddetto repechage), compatibili la sua patologia.

Pertanto, la sopravvenuta inidoneità del lavoratore all’esecuzione dei compiti normalmente affidatigli e l’impossibilità per l’azienda di assegnarlo ad attività compatibili con le limitazioni indicate dal medico, rappresentano sì un giustificato motivo oggettivo del licenziamento, ma il datore dovrà prima allegare le definizioni delle diverse qualifiche in riferimento alle quali accertare l’impossibilità di ricollocamento del lavoratore.

Il licenziamento, infatti, deve essere previsto come atto estremo, da porre in essere in totale assenza di alternative di ricollocamento del lavoratore (ne abbiamo parlato in modo più dettagliato in questo articolo: Repechage: in caso di licenziamento il datore deve provare a riutilizzare il dipendente).

Nella pronuncia in esame la Suprema corte ha, inoltre, precisato che, nell’affermare l’illegittimità del licenziamento per sopravvenuta inidoneità fisica alle mansioni assegnate, non può ritenersi che il giudice si sia sostituito al datore di lavoro nella valutazione delle esigenze organizzative dell’impresa (come denunciato da parte datoriale nel caso di specie). Nel momento in cui, infatti, il datore di lavoro non abbia preventivamente accertato – prima di intimare il licenziamento – la concreta possibilità che il lavoratore potesse essere adibito a mansioni differenti non sussiste alcuna lesione dell’esercizio dell’attività economica privata, garantita dalla Costituzione [3].


La decisione del licenziamento da parte del datore di lavoro è legittima solo quando questi abbia accertato e provato la effettiva impossibilità di assegnare al lavoratore – affetto da una determinata patologia – qualsiasi diversa mansione necessaria all’attività produttiva e compatibile col suo stato di salute.

note

[1] Cass. sent. n. 4757/15 dep. il 10.03.2015.

[2] Cass. sent. n. 4920/14.

[3] Art. 41 Cost.:” L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.”


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buon giorno, ho un’amica che lavora in casa di riposo. Spesso e’ costretta alla malattia per forti strappi muscolari che si procura sollevando gli anziani ospiti. Gli esami medici evidenziano estese aree di artrosi alla schiena. Ha solo 37 anni e chiede alla sua azienda di cambiare mansione. Il medico dell’azienda sostiene che con massaggi e cure possa ritornare al lavoro. La mia domanda e’ se puo’ subire licenziamento. Cosa puo’ fare per tutelare la salute e il suo lavoro? Grazie Monica Piccini

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube