Diritto e Fisco | Articoli

Incidente: Comune responsabile se la segnaletica non è chiara

13 Aprile 2015
Incidente: Comune responsabile se la segnaletica non è chiara

Isola spartitraffico: se le linee sulla strada sono cancellate dal tempo e manca la segnaletica verticale, l’amministrazione è corresponsabile per il sinistro stradale e per il danno provocato dall’investimento di terzi.

Un triste vicenda giudiziaria, quella della morte di un motociclista, porta con sé anche l’affermazione di un principio giuridico volto a responsabilizzare le amministrazioni locali in materia di circolazione stradale e tenuta delle vie pubbliche: la segnaletica deve essere chiara e leggibile. Per cui, se a causa dell’usura e del tempo, le strisce spartitraffico sull’asfalto non sono più visibili ed è del tutto assente la segnaletica verticale, dell’eventuale sinistro verificatosi per tali cause è responsabile, oltre all’investitore, anche il Comune. È quanto emerge da una recente sentenza del Tribunale di Termini Imerese [1].

Il regolamento di attuazione del codice della strada impone espressamente al proprietario della strada l’apposizione e la manutenzione della segnaletica prescritta. Così, allo stesso modo, l’approssimarsi di un’isola di traffico di qualunque tipo deve essere segnalato da una striscia bianca continua di sufficiente lunghezza e da opportuna zebratura nella parte di pavimentazione stradale che precede la testata dell’isola [2].

Stesso discorso per l’omessa apposizione del cartello con lo Stop alla fine della strada o in concomitanza con situazioni di pericolo come l’attraversamento da parte di pedoni.

In verità, si legge in sentenza, sono pochi i casi in cui gli enti tenuti alla manutenzione delle strade devono apporre i cartelli segnalatori (casi tutti elencati dalla legge) mentre negli altri si tratta di scelta facoltativa, che non è sindacabile dal giudice. Ma proprio per ciò, laddove previsto, è necessario il rispetto letterale della norma: in mancanza, l’ente pubblico è corresponsabile per eventuali danni cagionati dalla circolazione a terzi.

Nel caso di specie era stata omessa la segnalazione di un’isola spartitraffico.


note

[1] Trib. Termini Imerese sent. sent. 67 n. 22.01.2015.

[2] Art. 177 Regolam. Att. Cod. Str.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube