Ora certificati anagrafici anche presso i Comuni non di residenza

15 Aprile 2015
Ora certificati anagrafici anche presso i Comuni non di residenza

Nazionalizzazione degli atti di stato civile: possibile ottenere gli atti anche da una amministrazione al di fuori della propria residenza.

Sarà possibile, a breve, ottenere un certificato anagrafico da qualsiasi Comune, anche da tutti quelli ove non si è residenti. E questo grazie alla nuova nazionalizzazione degli atti di stato civile che comporterà il passaggio dall’attuale sistema con un’anagrafe comunale per ciascun municipio a quella nazionale, unica invece per tutto il territorio dello Stato. Con la conseguenza, peraltro, che non sarà più necessario effettuare la cancellazione o l’iscrizione in caso di trasferimento in un altro Comune o all’estero.

Questi sono i primi e immediati benefici di un sistema che rivoluzionerà la vita burocratica dei cittadini e degli enti locali.

La nuova anagrafe nazionale si chiama Anpr, è istituita presso il ministero dell’interno dal Codice dell’amministrazione digitale, ed assorbirà l’Indice nazionale delle anagrafi (Ina) e l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire). Tutto è pronto per la sua attuazione dopo l’ok del Consiglio di Stato al terzo schema di dpcm attuativo.

Altre novità

Ancora, ulteriori novità previste dalla Anpr riguardano le schede anagrafiche individuali che avranno un formato elettronico ed includeranno, tra i dati registrati, anche il domicilio digitale e la condizione di soggetto senza fissa dimora, nonché per quanto riguarda gli stranieri, gli estremi del documento di soggiorno.

Come anticipato in apertura, chiunque potrà ottenere, dall’Ufficiale di stato civile, i certificati anagrafici anche per comuni diversi da quello in cui risiede il soggetto a cui i certificati si riferiscono.

Via libera inoltre alla possibilità di fornire (a chi li richieda per fini statistici e di ricerca) dati anagrafici in forma anonima e aggregata.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube