Diritto e Fisco | Articoli

Aborto “fai da te” senza consulto medico. E’ legale?

29 Febbraio 2012 | Autore:
Aborto “fai da te” senza consulto medico. E’ legale?

Illegale procurarsi l’aborto tramite farmaci senza previo consulto di una struttura sanitaria, di una casa famiglia o del medico di fiducia.

È reato procurarsi autonomamente l’aborto tramite l’assunzione di farmaci, senza prima richiedere un consulto medico.

Secondo la legge italiana [1], infatti, l’interruzione volontaria della gravidanza è consentita solo dopo l’intervento di una struttura socio sanitaria, di un consultorio familiare o di un medico di fiducia.

Questi soggetti sono chiamati a tracciare un percorso psicologico e medico che la donna deve seguire, individuando, nel rispetto della privacy, le motivazioni che la inducono ad abortire e aiutandola a cercare, ove possibile, soluzioni alternative.

L’importanza del suddetto iter obbligatorio è stata sottolineata dalla Cassazione [2] in un recente caso di aborto volontario: una donna aveva assunto, senza contattare l’ospedale, il Cytotex (farmaco destinato alla cura dell’ulcera ma avente come effetto secondario riconosciuto quello abortivo) al fine specifico di provocare la morte del feto.

Per non aver rispettato la legge sull’aborto, è stata condannata al pagamento di una multa pari a 51,16 euro.

Occorre precisare che l’aborto volontario non costituisce reato solo se avviene entro i primi novanta giorni [3] di gravidanza e nel rispetto delle procedure previste dalla legge.

In caso di violazione del termine di novanta giorni è prevista la pena detentiva, mentre in caso di sola violazione delle procedure (come nell’ipotesi di cui sopra) è prevista la multa.

 

 


LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. COLONNESE Andrea                        Presidente   del 30/09/2 –  –

Dott. BEVERE Antonio                                Consigliere  SENTE –  –

Dott. BRUNO Paolo A.                                Consigliere  N. 2 –  –

Dott. VESSICHELLI Maria                         rel. Consigliere  REGISTRO GENER –  –

Dott. DEMARCHI ALBENGO Paolo        Consigliere  N. 47181/2 –  –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

1) D.M. N. IL (OMISSIS);

avverso  la  sentenza  n.  4144/2009 CORTE  APPELLO  di  MILANO,  del

07/04/2010;

visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita  in  PUBBLICA  UDIENZA del 30/09/2011 la  relazione  fatta  dal

Consigliere Dott. MARIA VESSICHELLI;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. Cedrangolo, che ha

concluso  per  l’annullamento  senza  rinvio  perchè  il  fatto  non

costituisce reato.

FATTO E DIRITTO

Propone ricorso per cassazione D.M. avverso la sentenza della Corte di appello di Milano in data 7 aprile 2010 con la quale è stata confermata quella di primo grado di condanna per il reato di interruzione volontaria della gravidanza commesso il (OMISSIS).

La detta interruzione era avvenuta, secondo quanto ritenuto accertato dai giudici del merito, all’ottava settimana di gravidanza attraverso la assunzione di un farmaco (Cytotex) destinato alla cura dell’ulcera ma capace di provocare l’aborto come effetto secondario.

L’accertamento del fatto era avvenuto ad opera dei medici dell’Ospedale di (OMISSIS) presso il quale la donna si era recata denunciando perdite ematiche e la recente assunzione di pillole per abortire.

Era stata inflitta alla donna, imputata e condannata per il reato di cui alla L. n. 194 del 1978, art. 19, commi 1 e 2, la pena, poi condizionalmente sospesa, di 40 giorni di reclusione.

Deduce la violazione dell’art. 47 c.p..

La ricorrente aveva assunto il Cytotec quale pillola equivalente a quella propriamente abortiva (la RU486) ritenendo, per mero errore, che non vi fosse un protocollo da rispettare (peraltro all’epoca dei fatti nemmeno approvato) e la ignoranza di tale protocollo non poteva ritenersi – come invece ritenuto dal giudice-errore inescusabile ricadente su “parte di norma penale”, bensì errore sul fatto, come previsto dall’art. 47 c.p.: errore capace cioè di alterare il processo volitivo e comunque non destinato a formare oggetto di onere probatorio dell’imputato;

2) la violazione dell’art. 19 L. cit. quanto alla individuazione del trattamento sanzionatorio, previsto dalla legge, per la donna, nella forma solo pecuniaria.

Il ricorso è fondato nei termini che si indicheranno.

Invero il primo motivo è destituito di fondamento.

Alla imputata è stato contestato il reato di cui alla L. n. 194 del 1978, art. 19, commi 1 e 2, fattispecie che prevede la sanzione penale per chi cagiona la interruzione volontaria della gravidanza senza la osservanza delle modalità indicate dagli artt. 5 e 8: quelle cioè relative al necessario previo intervento della struttura socio sanitaria nel tracciare il percorso dapprima psicologico e poi medico che la donna che intenda abortire è tenuta a seguire.

Nel caso di specie è stato accertato che la imputata ha assunto al di fuori del rispetto delle dette modalità una medicina capace di farle raggiungere il risultato perseguito di abortire.

La Corte d’appello ha dunque giustamente replicato al motivo di appello con il quale la difesa aveva sostenuto la convinzione della imputata sulla liceità della propria condotta : ha cioè osservato che la ignoranza delle modalità, previste dalla legge in contestazione (L. n. 194 del 1978, art. 19), per la realizzazione legittima di una condotta volontariamente abortiva non può che costituire ignoranza della legge penale, ai sensi dell’art. 5 c.p., in linea di principio incapace di escludere la responsabilità.

Si è osservato anche, in proposito, da parte della giurisprudenza di questa Corte che la coscienza dell’antigiuridicità o dell’antisocialità della condotta non è una componente del dolo, per la cui sussistenza è necessario soltanto che l’agente abbia la coscienza e volontà di commettere una determinata azione. D’altra parte, essendo la conoscenza della legge penale presunta dall’art. 5 c.p., quando l’agente abbia posto in essere coscientemente e con volontà libera un fatto vietato dalla legge penale, il dolo deve essere ritenuto sussistente, senza che sia necessaria la consapevolezza dell’agente di compiere un’azione illegittima o antisociale sia nel senso di consapevolezza della contrarietà alla legge penale sia nel senso di contrarietà con i fini della comunità organizzata (Rv. 236432). Del tutto improprio appare dunque il richiamo della difesa all’art. 47 c.p., norma che regola il caso dell’errore sulla legge diversa da quella penale, tale potendosi considerare non quella in contestazione ma solo quella destinata in origine a regolare rapporti giuridici di carattere non penale e non esplicitamente in una norma penale o da questa non richiamata anche implicitamente (vedi in tal senso rv 169820).

Fondato è invece il secondo motivo.

La citata Legge, art. 19, comma 2 prevede per la donna che provochi la interruzione volontaria della propria gravidanza la pena solo pecuniaria, della multa fino a lire centomila che, ragguagliata all’Euro è pari a Euro 51,65.

Tenuto conto che il giudice del merito, nell’irrogare erroneamente la pena detentiva, ha manifestato un giudizio di congruità di pena individuata in misura vicina al minimo edittale, questa Corte, applicando il medesimo criterio, individua all’esposto principio di diritto, valutando in concreto anche la opportunità della concessione dei benefici di legge.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata limitatamente al trattamento sanzionatorio, con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Milano per nuovo esame sul punto.

Così deciso in Roma, il 30 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 novembre 2011



note

[1] L. 22 maggio 1978, n. 194.

[2] C. Cass. sent. n. 44107/2011.

[3] È possibile abortire anche dopo il termine di novanta giorni, senza incorrere in sanzioni, solo quando:

a) la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo per la vita della donna;

b) eventuali processi patologici –come malformazioni e  anormalità del feto– rappresentino un serio pericolo, attestato da certificato medico, per la salute fisica o psichica della donna (artt. 6 e 7  L. 194/1978).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube