Da giugno assegni di pensione Inps al 1° giorno di ogni mese

17 Aprile 2015
Da giugno assegni di pensione Inps al 1° giorno di ogni mese

Previdenza e anticipo del pagamento della pensione: salta il 10 del mese per effetto della legge di Stabilità.

Il presidente dell’Inps ha comunicato ieri che, già a partire da giugno, tutti i pagamenti dei trattamenti pensionistici che l’Istituto effettua nei confronti dei cittadini il giorno 10 di ogni mese potrebbero essere anticipati al 1° giorno di ogni mese: si tratta di una platea di circa 2 milioni di pensionati. È questo uno dei tanti effetti del cosiddetto piano “La mia pensione” che prevede, tra l’altro, la possibilità di fornire agli interessanti, in tempo reale, informazioni sul proprio conto previdenziale e sul calcolo della pensione futura grazie a simulazioni basate sul percorso contributivo individuale e gli anni di lavoro.

Il ministro Poletti, intervenuto anch’egli sul tema dell’allineamento dei pagamenti pensionistici al primo giorno del mese, ha però messo un freno, chiarendo che si tratta, al momento, solo di una proposta, ma non c’è ancora nessun atto ufficiale a riguardo: sarebbe, infatti, necessario un intervento normativo per modificare la previsione contenuta nell’ultima Legge di Stabilità.

Di fatto, c’è che l’Inps sta già lavorando con banche e Poste per un’intesa che consenta l’anticipo del pagamento delle pensioni. È vero – ha ammesso il presidente dell’Istituto di previdenza – lo spostamento di date produrrà per l’Inps un aggravio in termini di interessi, ma esso verrà completamente compensato con una riduzione dei costi per i bonifici. Insomma, alla fine dei conti dovrebbe trattarsi di un’operazione a risultato “zero” per le casse dello Stato e per le banche e che, invece, si tradurrà in un indubbio vantaggio per i pensionati: 10 giorni di ritardo sono, per molte famiglie, un problema serio.

Chi incassa la pensione il 10 del mese?

Tra coloro che incassano la pensione il 10 del mese ci sono beneficiari di due trattamenti come, per fare un esempio, un’integrazione al minimo Inps e una reversibilità ex Inpdap.

“La mia pensione”

Grazie al piano denominato “La mia pensione” sarà possibile l’accesso, da parte di ogni pensionato, con codice fiscale e pin Inps al proprio conto pensionistico: la possibilità, che scatterà il 1° maggio per tutti i lavoratori under 40, a giugno verrà estesa ai lavoratori fino a 50 anni e in luglio a quelli fino a 60.
Per effettuare le simulazioni bisognerà avere almeno 5 anni di contributi versati: il lavoratore potrà verificare la sua pensione di vecchiaia o anticipata futura, la data di pensionamento e il tasso di sostituzione lordo (ovvero il rapporto tra pensione e ultimo stipendio) espresso in valori monetari costanti.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube