Diritto e Fisco | Articoli

Lavori urgenti in condominio: come comportarsi?

17 Aprile 2015 | Autore:
Lavori urgenti in condominio: come comportarsi?

Regole da osservare nel caso in cui sia necessario provvedere ad opere senza ritardo: guida per amministratori e condomini.

 

Non è raro che nei complessi condominiali italiani, specie in questo periodo di crisi economica, venga procrastinata l’esecuzione di lavori necessari, a volte anche estremamente urgenti, per il ripristino di parti comuni danneggiate (ad esempio: muri perimetrali, recinzioni, tetti, lastrici solari, piante pericolanti). Il problema si complica quando la mancata esecuzione delle opere di manutenzione ordinaria o straordinaria può comportare pericolo di danno per la salute dei condomini o di terzi estranei.

Che spetta fare, allora, all’amministratore nel caso in cui l’assemblea non riesca a raggiungere un accordo sul punto: il rappresentante del condominio è comunque tenuto ad autorizzare i lavori necessari ed, eventualmente, con quali eventuali limiti?

La legge [1], a questo riguardo, stabilisce che l’amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria, salvo che rivestano carattere urgente. In tal caso, però, ha l’obbligo di riferirne nella prima assemblea successiva all’autorizzazione stessa”.

Dunque, la regola è che le opere di manutenzione straordinaria sono esclusivamente di competenza dell’assemblea: l’amministratore deve sempre convocare quest’ultima affinché, assumendosi le proprie responsabilità, deliberi sull’effettuazione delle opere di straordinaria manutenzione.

Tuttavia esiste l’eccezione alla regola: se c’è urgenza, l’esecuzione di lavori di manutenzione possono – anzi, devono – essere sollecitati ed autorizzati direttamente dall’amministratore senza necessità di avvisare l’assemblea o di ottenerne delibera. L’amministratore, avrà poi il dovere di riferire delle opere da lui autorizzate senza il previo consenso dell’assemblea, a quest’ultima nella prima riunione successiva.

Il potere dell’amministratore di intervenire in caso di urgenza è circoscritto all’esecuzione dei lavori “strettamente necessari” cioè a quelli tali da evitare possibili conseguenze dannose dal mancato esercizio degli stessi.

Perciò, una volta esaurito l’intervento necessario nell’interesse dei condomini ad evitare il pericolo di un maggior danno, o la prevenzione di un possibile illecito commesso a danno di terzi (si pensi a cadute di calcinacci su auto in sosta o su passanti, oppure alla presenza di buche sulla strada condominiale o ad eventuali rami pericolanti ecc.), l’amministratore è obbligato a riferire all’assemblea che, nella prima seduta, deciderà se ed in quale maniera proseguire nei lavori. In tale sede i condomini dovranno verificare che la spesa autorizzata dall’amministratore sia stata effettivamente sopportata per ragioni di urgenza: in occasione, perciò, dell’assemblea chiamata a ratificare la spesa decisa dall’amministratore, questi dovrà dimostrare l’urgenza dei lavori fatti eseguire.

L’assemblea e, quindi, i singoli condomini potranno valutare l’esistenza o meno dell’urgenza ed in caso negativo, non ratificando la spesa autorizzata dall’amministratore, sarà questi, personalmente, a dover sopportare integralmente la spesa.

Ecco perché, a tal fine, è opportuno che l’amministratore si munisca di tutti i documenti e le prove necessarie per dimostrare all’assemblea il carattere di urgenza della spesa da lui autorizzata.


note

[1] Art. 1135, comma 2, cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube