Diritto e Fisco | Articoli

Se l’azienda ti chiede di firmare il licenziamento alla DTL

19 Aprile 2015
Se l’azienda ti chiede di firmare il licenziamento alla DTL

Il mio datore di lavoro ha deciso di licenziare alcuni dipendenti tra cui me per via di crisi e mi ha detto di presentarmi alla Direzione del lavoro per mettere la firma: che succede se non mi presento?

In verità, il licenziamento è un atto che deve essere semplicemente “comunicato” al dipendente; non è, invece, necessario che questi lo firmi e ratifichi. L’eventuale accettazione dinanzi al sindacato o alla DTL (Direzione territoriale del lavoro) sembrerebbe piuttosto nascondere l’intenzione, da parte dell’azienda, di far aderire i dipendenti a un accordo transattivo, impedendo a questi ultimi, in un momento successivo, di impugnare il provvedimento di recesso.

In buona sostanza – e fermo restando che, per fornire un parere più preciso, sarebbe necessario leggere il contenuto dei documenti in questione – se il dipendente sottoscrive, con il datore di lavoro, un accordo presso la DTL non ha più la possibilità di rivolgersi al tribunale per contestare detto accordo. Viceversa le transazioni tra azienda e dipendenti, se avvenute fuori le cosiddette “sedi protette” (ossia senza le rappresentanze sindacali o la Direzione del lavoro) non hanno effetto. Infatti, la legge precisa che i diritti dei lavori dipendenti sono disponibili solo in presenza delle opportune rappresentanze sindacali o delle autorità amministrative a ciò preposte.

Dunque, in generale, si può certamente affermare che il licenziamento ha effetto anche se il lavoratore non si presenterà alla DTL e non firmerà alcun documento. Viceversa, l’eventuale adesione a un atto di transazione, sottoscritto presso una delle sedi protette (quale appunto è la DTL) gli impedirebbe, un domani, di presentare ricorso al giudice e impugnare il licenziamento. Ecco perché la richiesta del datore di lavoro sembra nascondere ben più della richiesta di una semplice “firma”.

A questo punto è consigliabile che il lavoratore, eventualmente attraverso il proprio difensore, richieda al datore di lavoro di poter leggere, in anticipo, il documento che dovrà andare a sottoscrivere.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube