Diritto e Fisco | Articoli

Separazione e divorzio in Comune: vantaggi e costi

18 Aprile 2015 | Autore:
Separazione e divorzio in Comune: vantaggi e costi

A seguito delle novità legislative introdotte in materia alla fine del 2014, se c’è il consenso di entrambi i coniugi è possibile, a determinate condizioni, separarsi e divorziare senza avvocato, presentando un apposito modulo ai competenti uffici del Comune.

Dal 11 dicembre 2014 [1], i coniugi possono presentarsi all’Ufficiale di Stato Civile del Comune per concludere un accordo di separazione, divorzio o modifica delle precedenti condizioni di separazione e divorzio. Non è necessaria l’assistenza dell’avvocato.

 

Condizioni

È possibile tuttavia optare per questo modo più celere ed economico di separarsi e divorziare solo se:

– non vi sono figli minori;

– non vi sono figli maggiorenni portatori di handicap grave o incapaci o non economicamente autosufficienti;

– l’accordo di separazione non contiene patti di trasferimento patrimoniale.

 

La richiesta

La richiesta può essere presentata:

– presso il Comune di residenza di uno dei coniugi;

– presso il Comune dove è stato celebrato il matrimonio;

– presso il Comune dove è stato trascritto il matrimonio celebrato all’estero o celebrato con rito religioso

La richiesta deve essere accompagnata solamente dalla fotocopia del documento di identità di ciascun coniuge.

 

Procedimento

Entrambi i coniugi, o anche uno solo di essi, devono presentarsi dall’Ufficiale di Stato Civile e manifestare la loro volontà di concludere un accordo di separazione, o divorzio, o di modifica delle precedenti condizioni di separazione e divorzio.

Essi devono quindi compilare un apposito modulo di richiesta (disponibile presso la sede del Comune, o sul relativo sito internet), indicante i loro dati anagrafici, la data e il luogo di celebrazione matrimonio, la dichiarazione che non è pendente altro procedimento di separazione o divorzio presso il competente Tribunale. A tale richiesta deve quindi essere allegata copia dei documenti di identità.

L’Ufficiale di Stato Civile provvede quindi d’ufficio alla raccolta di tutti gli ulteriori documenti necessari per dare corso alla pratica di separazione o divorzio e fissa una data per la redazione dell’accordo, previo contatto con i coniugi da parte dell’Ufficio Matrimoni del Comune.

Nel giorno stabilito, i coniugi (muniti di documento di identità) si presenteranno quindi all’Ufficio Matrimoni per rendere le dichiarazioni prescritte e per sottoscrivere il conseguente accordo.

Non prima di 30 giorni dalla sottoscrizione dell’accordo, in altra data concordata con l’Ufficio Matrimoni, i coniugi devono presentarsi per rendere all’ufficiale di stato civile una ulteriore dichiarazione che confermi la validità dell’accordo.

L’accordo è comunque valido ed efficace dal giorno della sua sottoscrizione da parte dei coniugi.

 

Costi

La procedura ha un costo di € 16,00 per diritti fissi, da pagare direttamente all’Ufficio Matrimoni o a mezzo bollettino postale, a seconda del Comune di riferimento.


note

[1] Legge n. 162/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube