Diritto e Fisco | Articoli

Licenziamento: se il codice disciplinare non è affisso

19 Aprile 2015
Licenziamento: se il codice disciplinare non è affisso

Non sempre il licenziamento è illegittimo quando manca l’affissione del regolamento in un luogo accessibile a tutti i lavoratori.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di affiggere il codice disciplinare in un luogo di lavoro accessibile a tutti i dipendenti, affinché questi lo leggano e possano rispettarlo [1]; questo deve indicare quei comportamenti che violano prassi operative o non integranti usi normativi o negoziali. Diversamente, la giurisprudenza ritiene illegittimo il licenziamento per ragioni, appunto, di carattere disciplinare.

Ma ciò non vale sempre.

Secondo, infatti, una recente sentenza del Tribunale di Firenze [2], resa sul filone dell’interpretazione già fornita dalla Cassazione [3], è certo vero che, in materia di licenziamento disciplinare, vige il principio della necessaria pubblicità del codice disciplinare, ma esso non è necessario in caso di licenziamento avvenuto per condotte dei dipendenti che abbiano violato norme penali o contrastanti doveri etici. Questi ultimi comportamenti, sono di per sé sufficienti all’irrogazione della sanzione.

La legge non ammette ignoranza

In pratica, il corretto pensiero dei giudici è quello di ritenere il codice disciplinare necessario solo per intimare i licenziamenti derivanti da violazioni di regolamenti interni alla azienda, ma non anche per quelle norme di legge che, in quanto tali, dovrebbero ben essere conosciute a tutti, al di là dell’affissione del codice disciplinare. Per esempio, è chiaro che il nostro ordinamento punisce il furto: di conseguenza, nel caso di appropriazione indebita di beni aziendali non v’è dubbio che si possa provvedere a licenziare anche se il codice non è stato affisso sul luogo di lavoro.

Dunque, in tema di sanzioni disciplinari, la garanzia di pubblicità del codice disciplinare mediante affissione in luogo accessibile a tutti non si applica quando il licenziamento sia scattato per la violazione dei doveri fondamentali connessi al rapporto di lavoro (per esempio un lavoratore che si assenti arbitrariamente e senza giustificazione dal luogo di lavoro [4]), ossia per quei comportamenti di cui il lavoratore può autonomamente percepire il disvalore in quanto siano violativi di ciò che, nella coscienza sociale, è sentito come codice etico fondamentale.


note

[1] Art. 7 Statuto dei Lavoratori.

[2] Trib. Firenze, sent. n. 1064/2014.

[3] Cass. sent. n. 24392 del 17.11.2014.

[4] Cass. sent. n. 25311 dell’11.11.2013.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube