Diritto e Fisco | Articoli

Il ritiro del testamento

19 Aprile 2015
Il ritiro del testamento

Testamento olografo e segreto: formalità per la revoca e la consegna da parte del notaio.

È sempre possibile ritirare il testamento segreto [1] o quello olografo. Il ritiro avviene dal notaio presso il quale il documento si trova che redige verbale dando atto dell’avvenuta restituzione, davanti a due testimoni.

Deposito volontario del testamento olografo

Il testamento olografo può essere depositato dal testatore volontariamente e, ovviamente, prima della sua morte, o da altri che ne siano in possesso, in modo da garantirsi maggiore sicurezza circa la sua conservazione.

Dal suddetto deposito volontario e preventivo occorre distinguere il deposito imposto dalla legge nei confronti di chiunque sia in possesso di un testamento, non appena abbia notizia della morte del testatore.

La procedura per il ritiro del testamento dal notaio è identica sia nel caso di testamento olografo che segreto [1] consegnati al notaio. Si prevede, in particolare, la redazione di un verbale che deve essere sottoscritto dal testatore, da due testimoni e dal notaio. Se il testatore non può sottoscrivere se ne deve far menzione.

Le conseguenze del ritiro non sono le medesime. Nel caso di testamento segreto, la scheda testamentaria – chiusa – non è in deposito, bensì è stata consegnata al notaio affinché questi ne faccia un testamento segreto. Il ritiro comporta il verni meno del testamento segreto, salvo che la scheda – chiusa in busta – possa valere come olografo.

Il ritiro del testamento olografo non dà luogo a revoca tacita; il deposito non esplica infatti alcuna influenza sulla validità dell’atto.

Il testamento segreto può essere ritirato solo dal testatore; quello olografo, invece, da parte di chiunque l’abbia depositato – testatore o altri cui il testamento sia stato fatto pervenire -; non è necessario, nel caso di testamento olografo addurre ragioni per il ritiro.

Secondo alcuni autori i testimoni che firmano il verbale di ritiro non devono essere gli stessi che hanno assistito al deposito o alla consegna, ma la tesi non è condivisa da tutti.


note

[1] Il Testamento Segreto è quello che viene redatto in qualunque foglio di carta anche da persona diversa dal testatore e perfino al computer o a macchina; tale testamento deve essere poi consegnato, dal testatore in persona, davanti a due testimoni, a un notaio. La consegna avviene con foglio sigillato o chiuso in busta sigillata.

Il notaio annota all’esterno del foglio o della busta tutte le formalità compiute davanti a lui, appone la data, sottoscrive insieme al testatore e ai testimoni il verbale di consegna e sigilla la scheda. La scheda può non essere autografa, non occorre la data, ma è necessaria la sottoscrizione (se è scritta da altri o con mezzi meccanici, la sottoscrizione deve essere fatta ogni mezzo foglio). Il testamento segreto può essere fatto anche da chi non sa scrivere, ma non può essere fatto da chi non può o non sa leggere.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube