Diritto e Fisco | Articoli

Vaccini non obbligatori e antinfluenzali: i risarcimenti sono quelli ordinari

20 Aprile 2015
Vaccini non obbligatori e antinfluenzali: i risarcimenti sono quelli ordinari

L’indennizzo per la vaccinazione non obbligatoria ma raccomandata segue gli stessi importi previsti per i danni provocati dalle vaccinazioni obbligatorie.

Chi ha contratto una malattia a causa di una vaccinazione non obbligatoria, ma raccomandata o sollecitata dalle autorità sanitarie, come nel caso della vaccinazione antinfluenzale, ha diritto allo stesso indennizzo previsto dalla legge [1] per i danni provocati dalle vaccinazioni obbligatorie. È quanto chiarito, di recente, dalla Corte di Appello di Campobasso [2].

Così, tanto per fare un esempio, qualora un uomo anziano si sottoponga a vaccinazione antinfluenzale – in quanto a rischio per ragioni di età, così come raccomandato dalle linea guida della campagna promossa dalle autorità sanitarie – e, in seguito alla vaccinazione contragga una malattia può citare in causa il Ministero della Salute e da quest’ultimo farsi liquidare l’indennizzo “a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati”.

Ovviamente, in giudizio il danneggiato dovrà dimostrare che è stato proprio vaccino ad essere stato la causa unica della malattia contratta.

Nella sentenza in commento si chiarisce che il significato dell’indennizzo in questione non va individuato nella obbligatorietà o meno della vaccinazione, quanto nell’interesse della collettività: lo Stato, infatti, ha il dovere di non lasciare solo chi abbia corso un rischio, quello di subire lesioni conseguenti al vaccino, nell’interesse ed a tutela della salute della collettività. Non si può, quindi, negare il risarcimento a chi ha corso un rischio per perseguire un interesse collettivo, anche in assenza di costrizioni. Un ragionamento del genere sarebbe irragionevole e incostituzionale.


note

[1] L. 210/1992.

[2] C. App. Campobasso sent. n. 200 del 20.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube