Diritto e Fisco | Articoli

Notifica: se la firma è illeggibile

20 Aprile 2015
Notifica: se la firma è illeggibile

Relata o la cartolina di avviso di ricevimento ugualmente validi anche se non riportano il nome del consegnatario e la sottoscrizione è uno scarabocchio.

Inutile trovare appigli formali: è legittima la notifica dell’atto quando viene consegnata a persona diversa dall’effettivo destinatario (un familiare convivente, il portiere, ecc.) e l’identità di questi non risulta indicata, dal postino, sulla relata o sulla cartolina a.r., ed in più la sua firma risulti uno scarabocchio.

A chiarirlo è una recente sentenza della Cassazione [1].

Il principio, ovviamente, non vale solo per gli atti processuali (citazione, decreto ingiuntivo, sfratto, ecc.), ma anche per le notifiche in materia tributaria: si pensi a un accertamento o un avviso dell’Agenzia delle Entrate, una cartella esattoriale di Equitalia, ecc. Inoltre, estendendo il discorso, lo si può ampliare anche alle semplici raccomandate a.r. e agli atti della pubblica amministrazione (la richiesta di pagamento del Comune di imposte locali, ecc.).

In buona sostanza, la legge presume che il postino o l’ufficiale giudiziario accerti sempre, prima di effettuare una notifica, la qualità del soggetto a cui consegna il plico, verificando se questi abbia o meno i poteri per riceverlo; per cui, in qualità di pubblico ufficiale, la sua dichiarazione (nel registro consegne o sulla relata di notifica) fa piena prova, anche se non vi è alcuna indicazione del nome e cognome del soggetto consegnatario e la sua firma è uno scarabocchio.

Quindi, nel caso di sottoscrizione illeggibile della relata di notifica di un avviso di accertamento, una raccomandata, un atto giudiziario, ecc. spetta sempre al destinatario effettivo dimostrare la non autenticità della sottoscrizione o l’insussistenza del potere del soggetto che ha preso in consegna il plico. In assenza di tale prova, la notifica è pienamente valida [2].


note

[1] Cass. sent. n. 7838/2015.

[2] Cass. sent. n. 16407/2003.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube