Diritto e Fisco | Editoriale

Il nuovo pignoramento presso terzi

20 Aprile 2015
Il nuovo pignoramento presso terzi

Il nuovo pignoramento presso terzi, così come recentemente modificato dovrebbe realizzare l’obiettivo di semplificare e garantire con un buon grado di certezza, l’individuazione del credito per cui si sta procedendo pur non pregiudicando i diritti di tutti le parti.

I recenti interventi legislativi [1] volti a migliorare in termini di durata, costi e tutela oltre che a semplificare il funzionamento del processo civile, hanno inciso anche sulla procedura del pignoramento presso terzi. Da un lato, infatti, hanno facilitato e perciò reso più efficace l’individuazione dei beni da poter pignorare del debitore, dall’altro sono stati semplificati gli oneri del terzo, che si è visto contemporaneamente limitate le conseguenze a suo carico nel caso di assenza all’udienza.

In particolare, con la modifica del codice di procedura civile [2] sono cambiate le conseguenze che il comportamento inerte del terzo nella versione del silenzio o dell’assenza all’udienza avevano nei confronti del creditore. Cercando di semplificare, si può notare che, se prima, l’inerzia predetta era già di per sé idonea a perfezionare il pignoramento, ora con le modifiche approntate dalla riforma in commento, la partecipazione del terzo all’udienza non è più obbligatoria, avendo prevalenza la dichiarazione scritta.

Si dovrebbero in tal modo risolvere i profili di criticità che la normativa precedente [3] poteva aver sollevato relativamente alla tutela dei diritti e degli interessi del terzo che, per un mero comportamento omissivo, si trasformava in un vero e proprio debitore, anche se tale effettivamente non era, con risvolti di rilevanza costituzionale non di certo trascurabili.

Con la nuova formulazione, pertanto, al terzo basterà rilasciare una dichiarazione negativa (nel caso non si effettivamente debitore) per poter andare esente da qualsiasi rischio o responsabilità.

di STEFANIA CERIANI


note

[1] Legge n. 162/2014 del 10.11.2014.

[2] artt. 547 e 548 c.p.c.

[3] Legge n. 228/2012 del 24.12.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube