Diritto e Fisco | Articoli

Attività cessata: entro quanto tempo chiedere il rimborso IVA

21 Aprile 2015 | Autore:
Attività cessata: entro quanto tempo chiedere il rimborso IVA

Se l’attività è cessata, il contribuente ha dieci anni di tempo per chiedere il rimborso, anche se non ha presentato il modello VR.

 

In caso di cessazione dell’attività commerciale o professionale il contribuente ha diritto al rimborso dell’IVA a credito risultante dalla dichiarazione dei redditi.

Il diritto al rimborso sorge in ragione del fatto che, essendo cessata l’attività imprenditoriale, non è più possibile recuperare l’VA nel corso di future operazioni imponibili e la stessa non si può portare in detrazione nell’anno successivo.

Il rimborso può essere chiesto entro il termine di prescrizione di dieci anni attraverso la presentazione di un apposito modello (cosiddetto Modello VR).

Quest’ultimo costituisce solo un presupposto per l’esigibilità del credito IVA e rappresenta un adempimento formale per avviare la procedura di rimborso.

La mancata presentazione di tale modello non fa venire meno la spettanza del rimborso, il quale si prescrive comunque in dieci anni.

Di recente, la Commissione tributaria provinciale di Como [1], in linea con l’orientamento maggioritario della giurisprudenza [2], ha infatti ricordato che la mancata presentazione del modello “VR” o il mancato rispetto del termine di decadenza di due anni previsto dalla legge, non esclude il diritto sostanziale al rimborso, che resta soggetto al termine ordinario di prescrizione decennale e non biennale.

Il mancato rispetto delle forme e dei termini di decadenza comporta soltanto la perdita del vantaggio di ottenere il rimborso in forma accelerata.

Il termine di decadenza biennale non si applica dunque in caso di cessazione dell’attività ma costituisce regola generale nel caso in cui il contribuente sia nel pieno della propria attività imprenditoriale [3].


note

[1] CTP Como, sent. n. 579/14.

[2] Cass. ord. n. 9103/14 e n. 14981/14.

[3] Art. 21 D.Lgs. n. 546/92.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube