Lavoro e Concorsi | Articoli

Concorso Agenzia delle Entrate 2015, date e voti per superare la prima prova

22 Aprile 2015 | Autore:
Concorso Agenzia delle Entrate 2015, date e voti per superare la prima prova

Vediamo insieme, oltre alle date delle prove, i parametri più probabili per essere ammessi alla seconda verifica.

 

Finalmente, dopo una lunga attesa, ieri, 21 aprile, è stato pubblicato il calendario della prima prova del Concorso per 892 funzionari Amministrativo-Tributari nell’Agenzia delle Entrate: le verifiche inizieranno prima del previsto, addirittura dal 7 maggio 2015, dato che si dovrà smaltire un gran numero di partecipanti (fonti ufficiose parlano di circa 137000 iscritti), e si terranno tutte presso la Fiera di Roma, in via A.G. Eiffel, Padiglione 3.

Si partirà, per l’ordine dei turni, dalla lettera G.

Inaugureranno il concorso i candidati per i posti in Lombardia , giovedì 7 maggio, che termineranno il 18 maggio; dal 18 al 20 maggio sarà il turno del Piemonte, poi avremo la Toscana dal 20 al 22, l’Emilia Romagna dal 26 al 29, il Veneto dal 3 al 5 giugno, ed infine la Liguria, in un unico turno, alle ore 15:30 del 5 giugno.

Nei forum dedicati ai concorsi impazzano pronostici e congetture su quante persone riusciranno a superare la prima prova, sul voto necessario per superarla e sulle probabilità di superarla.

Per quanto concerne la prima domanda, è il bando a rispondere chiaramente. Difatti, al punto 5.3 è scritto:-“Sono ammessi alla prova oggettiva tecnico-professionale i candidati che riportano il punteggio di almeno 24/30 e rientrano in graduatoria nel limite massimo di cinque volte il numero dei posti per i quali concorrono. I candidati che si collocano a parità di punteggio nell’ultimo posto utile in graduatoria sono comunque ammessi alla prova oggettiva tecnico professionale”. Tradotto in termini semplici, ipotizzando che ognuna delle Regioni si attenga al limite massimo di posti, accederà alla seconda prova chi, oltre ad avere ottenuto il punteggio di 24/30, si classificherà nei primi 2350 posti, se candidato per la Direzione Regionale della Lombardia, oppure nei primi 700 posti, se concorre per il Veneto, o, ancora, nei primi 550 posti per chi ha scelto il Piemonte e l’Emilia Romagna, o nei primi 210 posti per chi concorre per la Toscana, o, infine, nei primi 100 posti per chi ha optato per la Liguria.

A questo punto, quale sarà il voto necessario per passare alla seconda prova? Le risposte prevalenti, nei forum, indicano un voto di almeno 27/30, effettivo, visto l’altissimo numero di partecipanti.

In realtà, questo è un fattore che si potrebbe prevedere, in termini probabilistici, solo se conoscessimo la preparazione media dei candidati, nonché l’effettivo grado di difficoltà dei test: non disponendo di questi dati, in specie per l’imprevedibilità, nell’assegnazione delle verifiche, dell’Agenzia delle Entrate, si possono solo effettuare congetture, prive di solidi fondamenti.

Così com’è impossibile definire la probabilità del superamento della prima prova, perché potrebbe variare non solo in base al numero dei partecipanti suddivisi per regione, ma anche in base al numero degli astenuti: è vero che il più alto numero di posti appartiene alla Direzione Centrale della Lombardia, dunque le probabilità per chi ha optato per la Lombardia sembrerebbero maggiori, ma è anche vero, come confermano diverse fonti (nonché come si desume, in maniera logica, dal calendario delle prove, con ben 22 turni solo per tale regione), che il numero di candidati sia notevolmente più consistente, rispetto alle altre regioni.

Eseguendo un semplice ragionamento, ipotizzando che ogni turno abbia, all’incirca, lo stesso numero di concorrenti, prendendo per buono il dato di 137000 aspiranti funzionari, da dividere in 52 turni, in ogni turno avremmo, approssimando, 2635 candidati.

Dato che ben 22 turni appartengono alla Lombardia, possiamo ipotizzare che, nella Regione, vi siano 57.970 partecipanti, per un massimo di 2350 soggetti che potrà superare la prima prova; considerando una media del 5% di astenuti, circa una persona su 23 potrà andare oltre questa prima verifica, dunque, per approssimazione, poco più del 4%.

Prendiamo, ora, il Veneto: qui, come abbiamo detto, il numero massimo di soggetti che potranno superare la prima prova sarà 700, ed i turni sono 7. Pertanto, avremo 18445 candidati ipotetici, meno la percentuale di astenuti, circa 17.500: la probabilità, in questo caso, rispecchia esattamente il 4%.

Le probabilità scendono, invece, al 2% in Emilia Romagna, con 11 turni su un massimo di 550 posti; va meglio in Piemonte, che ha sempre 550 posti, ma soltanto 5 turni, quindi arriva al parametro del 4,4% circa. In Toscana, dov’è disponibile un massimo di 210 posti, abbiamo 6 turni, con quasi l’1,4% di probabilità di successo. Terminiamo con la Liguria, che ha un solo turno e 100 posti disponibili ed arriva, sempre considerando un 5% di astenuti, al 4%.

Dalle predette ipotesi, notiamo che la probabilità di riuscita, escludendo l’Emilia Romagna, è più o meno del 4% in tutte le Regioni: il grado di difficoltà è alto, ma non impossibile.

Naturalmente, queste sono pure congetture, poiché non si dispone dei dati ufficiali, e del reale numero di soggetti che si presenterà a sostenere la prova, dunque le possibilità di successo potrebbero comunque risultare più alte: il consiglio che possiamo darvi, ad ogni modo, è di non soffermarvi troppo su ipotesi e pronostici, perché potrebbero influenzarvi negativamente, facendovi già sentire sconfitti in partenza. Prendete, invece, questa prova preselettiva con filosofia, esercitatevi con costanza, ma non fatene una ragione di vita o di morte; sappiate vedere il lato positivo, ovvero l’esercizio mentale, come se si trattasse di un passatempo enigmistico.

In ultimo, non dimentichiamoci della seconda prova, le cui date si conosceranno il 12 giugno: visto che il concorso procede a tappe serrate, forse anche al fine di selezionare al massimo i candidati, è bene prepararsi da subito anche a questa ulteriore verifica!



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Gent.ma Dott.ssa Secci grazie per il suo esauriente e interessante articolo.
    Davvero utile per i partecipanti del concorso che vogliono avere un quadro generale delle possibilità di superamento.
    Faccio notare una cosa, però: oltre all’Emilia, con il 2%, anche la Toscana ha una probabilità di riuscita più bassa, anzi, la più bassa con solo l’1,4% se i suoi calcoli sono giusti.

    O sbaglio?

    Grazie
    Francesco

  2. Si, infatti ho scritto , sopra, che per la Toscana si ha l’1,4% di probabilità; sicuramente, nel paragrafo sottostante, dove avevo scritto escludendo l’Emilia Romagna e la Toscana, per una svista sono state cancellate le parole (non ce ne vogliano i toscani :-)) !

  3. grazie per la precisazione 🙂
    Chiedo inoltre se possibile quando saranno noti i risultati della prima prova. saranno dati dopo le rispettive giornate o tutti quanti insieme dopo il 5 giugno?

    grazie ancora anticipatamente

  4. Nel bando non è scritto. Comunque, so che nella selezione del 2012, nella quale era stata fatta una prova preselettiva, i risultati erano stati forniti il giorno stesso, probabile che ripetano lo stesso copione…

  5. buongiorno dottoressa,
    una domanda.
    Per coloro i quali avessero ottenuto un punteggio superiore a 24/30 ma non rientrassero del numero prestabilito, c’è qualche possibilità di ripescaggio o che la lista venga utilizzata per futuri concorsi ?
    grazie saluti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube