Diritto e Fisco | Articoli

La penale non è una clausola vessatoria: basta una firma

22 Aprile 2015
La penale non è una clausola vessatoria: basta una firma

Caparre, penali ed altre clausole simili, con cui le parti abbiano determinato in anticipo la misura del risarcimento dovuto all’altra in caso di recesso o di inadempimento, non avendo natura vessatoria, non necessitano di specifica approvazione.

La clausola penale, inserita in un contratto, non si considera “vessatoria” e, pertanto, non richiede la doppia sottoscrizione per poter essere efficace. È questa la conclusione cui è pervenuto il Tribunale di Padova con una recente sentenza [1].

La “penale” è la previsione, in contratto, del risarcimento del danno che, in caso di inadempimento o recesso, il debitore dovrà versare al creditore, a prescindere da qualsiasi prova offerta da quest’ultimo dell’effettivo pregiudizio subìto. Essa, dunque, scatta per il solo fatto di non aver rispettato l’accordo. Nello stesso tempo, però, il creditore, non può chiedere un ulteriore indennizzo in tribunale, così come il debitore non può dimostrare che il danno è inferiore rispetto all’ammontare della penale.

Insomma, in buona sostanza, la funzione della penale è quella di fissare, in via anticipata e forfettaria, la misura del risarcimento del danno, evitando contestazioni, prove e cause.

La sentenza in commento aggiunge che, per la validità della penale non serve la cosiddetta “doppia firma” sul contratto (ossia quella apposita sulla clausola che richiama, in uno, tutte le clausole vessatorie); la “doppia firma” è imposta solo per le clausole vessatorie, ossia quelle che comportano una particolare sproporzione di pesi tra le parti (di norma, a favore di chi ha redatto la scrittura) [2], e tale non è la penale.

Il giudice ricorda che, in materia contrattuale, le caparre, le clausole penali ed altre simili, con le quali le parti abbiano determinato in via anticipata la misura del ristoro economico dovuto all’altra in caso di recesso o di inadempimento, non avendo natura vessatoria, non necessitano di specifica approvazione.


note

[1] Trib. Padova sent. n. 274 del 29.01.2015.

[2] Art. 1341 cod. civ.

Autore immagine 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube