Diritto e Fisco | Articoli

Chi non paga il debito e lo sa in anticipo commette reato

23 Aprile 2015
Chi non paga il debito e lo sa in anticipo commette reato

Insolvenza fraudolenta: la fedina penale resta sporca per la morosità, ma il colpevole non va in carcere.

Certamente è uno strumento poco utilizzato quello della querela penale nei confronti dei morosi, ma lo prevede la legge, o meglio, il codice penale: chi contrae un debito pur sapendo di non poterlo onorare, e quindi nascondendo la propria incapacità economica, commette insolvenza fraudolenta [1]. Tuttavia, per effetto del nuovo decreto sulla tenuità del fatto (in vigore da qualche settimana), il moroso non va più in galera, ma la fedina penale gli resta macchiata.

È questa la sintesi di una recente sentenza del tribunale di Trento [2] che applica la pena più dura, quella appunto penale, nei confronti degli insolventi “di professione”. E questo perché una cosa è il semplice inadempimento contrattuale, quello di chi contrae un’obbligazione con il proposito di rispettarla, ma poi (vuoi per incapacità di gestione, vuoi per sopravvenute difficoltà) non è più in grado di farlo; un’altra è invece il comportamento di chi, in anticipo, ha già il proposito di non adempiere per conseguire un indebito vantaggio, atteggiamento che rasenta la truffa.

Al reato di insolvenza fraudolenta, poi, si può aggiungere un secondo reato se il cliente è tenuto a restituire il bene prelevato. Si pensi al caso di noleggio di un’auto non pagata secondo gli accordi, in cui il mezzo non viene neanche restituito alla scadenza. Proprio come nella vicenda del caso specifico deciso dal tribunale di Trento. Colui che noleggia a lungo termine un’autovettura in un momento in cui è già consapevole di non poter pagare i relativi canoni risponde di insolvenza fraudolenta, si legge nella sentenza. Se poi lo stesso cliente non restituisce il veicolo nel termine previsto dal contratto o, in assenza, a richiesta della società di noleggio commette anche il reato di appropriazione indebita. Alla dissimulazione del proprio stato di insolvenza si aggiunge, infatti, la mancata restituzione dell’autovettura.


note

[1] Art. 641 cod. pen.

[2] Trib. Trento sent. n. 835/2014.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube