Diritto e Fisco | Articoli

Nuove Srl “semplificate” con capitale di 1 euro

29 Febbraio 2012
Nuove Srl “semplificate” con capitale di 1 euro

Nascono le “S.s.r.l.” con capitale minimo di un euro e costituite da giovani di età inferiore ai 35 anni.

Il decreto liberalizzazioni apre le porte alle nuove Società a Responsabilità limitata con capitale sociale minimo di un euro soltanto.

Non sono quindi necessari capitali da diecimila euro come sino ad oggi previsto per le normali S.r.l. [1].

Si chiameranno S.s.r.l. (acronimo di “società  semplificata a responsabilità limitata”) e potranno essere costituite solo da giovani entro i 35 anni. Tale requisito dell’età deve essere rispettato da tutti i soci (tranne amministratori e sindaci [2]) per tutto l’arco di vita della società. Pertanto, se anche uno solo dei soci maturi un’età uguale o superiore a 36 anni, la società dovrà sciogliersi o trasformarsi in una tipica S.r.l.

Il capitale deve essere versato integralmente. In teoria vi potrebbero anche essere cento soci con quote da un centesimo ciascuno.

Il funzionamento delle nuove società semplificate sarà sostanzialmente identico a quello previsto per le classiche S.r.l.

L’atto costitutivo e lo statuto dovranno essere conformi a modelli che diffonderà il Ministero. Per la costituzione sarà, come sempre, necessario il notaio, il cui intervento però deve essere gratuito, fermo restando il pagamento solo dei diritti (circa 250 euro) e dell’imposta di registro (168 euro).

La riforma è volta a favorire il rilancio della piccola impresa – vero volano della nostra economica – e a rilanciare nuove forme di occupazione lavorativa per i più giovani.

Affinché tuttavia le nuove società possano essere costituite, bisognerà comunque aspettare i decreti attuativi del Governo.

Qualche perplessità: come farà a operare, ad acquistare strumenti o a pagare i propri fornitori una società senza capitali? Difficile sarà far ricorso al credito bancario se non si offrono garanzie: garanzie che, proprio per la sua struttura e per i soggetti che la compongono (giovanissimi), la nuova società non potrà fornire. Sin dall’inizio, allora, si renderanno necessari versamenti da parte dei soci o aumenti del capitale sociale. E questo toglie ogni utilità alla riforma.

 

 


note

[1] Per le S.r.l. “normali” il capitale minimo è di 10.000 euro, conferibile anche in natura con perizia di stima per valutarne la consistenza; per i soli conferimenti in denaro, è obbligatorio il versamento presso una banca di almeno il 25%, percentuale estesa al 100% in caso di srl ad unico socio.

[2] Amministratori e sindaci, infatti, possono essere anche soggetti estranei alla compagine sociale.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube