Diritto e Fisco | Articoli

La patente è equiparata alla carta di identità?

26 Aprile 2015
La patente è equiparata alla carta di identità?

Documenti di riconoscimento come patente e passaporto: efficacia ai fini dell’identificazione del cittadino.

La nuova patente di guida (quella con il tesserino plastificato) è valida come “documento di riconoscimento” allo stesso modo della carta d’identità e del passaporto? Una domanda che si pongono in tanti, specie quando si ha la necessità di presentare i propri documenti da un notaio o all’interno di una pubblica amministrazione, per il rilascio di un certificato, di un’autentica di firma, di un atto pubblico, ecc. E questo perché se è normale portare sempre con sé la patente, non è altrettanto frequente che i cittadini tengano nel portafoglio anche il passaporto, il codice fiscale o la carta d’identità. E allora, la speranza è sempre che la prima possa sostituire i secondi ai fini dell’identificazione ufficiale del soggetto titolare.

Ebbene, la risposta a questo comune interrogativo è affermativa. In ordine alla validità della patente di guida, ai fini dell’identificazione dei relativi titolari, anche nel nuovo formato plastificato [1] si è espresso in senso positivo il ministero dell’Interno, con una circolare del 14 marzo 2000 [2].

Il carattere di documento di identificazione personale contraddistingue tuttora la patente di guida, anche in formato plastificato, in quanto contiene i requisiti prescritti dalla legge (e in particolare dal regolamento del Tulps, testo unico delle leggi di pubblica sicurezza [3]), che considera equipollente alla carta d’identità ogni documento munito di fotografia e rilasciato da un’amministrazione dello Stato.

La funzione di documento di riconoscimento attribuita alla patente di guida è stata confermata dal testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa [4]. In particolare, quest’ultimo indica come documenti equipollenti alla carta d’identità:

– il passaporto,

– la patente di guida,

– la patente nautica,

– il libretto di pensione,

– il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici,

– il porto d’armi.


note

[1] Introdotto con Dm 7 ottobre 1999.

[2] Ministero Interno circolare n. M/2413/8 del 14.03.2000.

[3] Art. 292 del Rd 6 maggio 1940, n.635.

[4] D.p.r. n. 445 del 28.12.2000, art. 35.


7 Commenti

  1. Questa patente e molto bella e molto comoda.
    Però manca l’indirizzo dell’abitazione, e il codice fiscale. vorrei sapere
    se è corretta,oppure e stato fatto un errore,e se e stato fatto l’errore cosa devo fare?
    Mario Rossi

  2. Buongiorno,
    ma anche una patente cartacea vecchia e sgualcita con la foto di 30 o più anni fa praticamente irriconoscibile?
    Dovrebbero obbligare a rinnovarla.
    Grazie, Rocelli Matteo.

  3. Non vorrei essere “saccente” la nuova patente giusto per intenderci quella con la foto in bianco e nero credo non valga come documento di riconoscimento anche perchè manca l’indirizzo di residenza. Discorso diverso per la stessa “patente moderna” ma nella prima versione infatti mi ricordo che la mia prima patente formato carta di credito aveva l indirizzo di abitazione.

  4. Anche l’ultimo modello di patente è valida come documento, anche se non vi è l’indirizzo. D’altronde anche sulla carta d’identità se cambi residenza non viene riportato il nuovo indirizzo. Il documento serve ad identificare la persona non per far sapere dove abiti.

  5. ho rinnovato la patente e la carta identità, e con mio stupore mi hanno detto che la foto della patente non può essere uguale a quella della carta ident. nessuno mi ha saputo dire il perchè…. qualcuno lo sa?????

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube