Diritto e Fisco | Articoli

Dis-coll: la disoccupazione ai co.co.co.; come funziona

28 Aprile 2015
Dis-coll: la disoccupazione ai co.co.co.; come funziona

Arriva la nuova indennità di disoccupazione per i contratti di collaborazione coordinata e continuativa purché senza partita IVA.

Anche chi ha un contratto di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.), sia pure a progetto (co.co.pro.) potrà ottenere l’indennità di disoccupazione. Il nuovo ammortizzatore sociale si chiama dis-coll. In verità la misura è sperimentale per il 2015, questo perché il Governo dovrebbe eliminare per sempre i co.co.pro., mentre i co.co.co. dovrebbero rimanere.

Destinatari

I destinatari di questo nuovo trattamento sono i collaboratori coordinati e continuativi, anche nella modalità a progetto, iscritti in via esclusiva alla gestione separata presso l’Inps (quindi non iscritti contestualmente ad altre Casse o gestioni). Sono esclusi amministratori e sindaci.

I collaboratori devono, inoltre, non essere pensionati e non avere partita Iva.

Condizioni soggettive

Condizione per ottenere la dis-coll è la perdita involontaria del lavoro. Viene escluso quindi il lavoratore che sia receduto dal contratto per propria volontà.

Inoltre è richiesto il possesso dello stato di disoccupazione al momento della presentazione della domanda dell’indennità.

A differenza della indennità “una tantum” prevista dalla precedente normativa, non è più necessario il requisito della condizione di monocommittenza del collaboratore coordinato e continuativo. Non vi sono neanche limiti di reddito nell’anno precedente.

Requisiti contributivi

Il richiedente deve aver:

– versato almeno 3 mesi di contribuzione nel periodo tra il 1° gennaio dell’anno solare precedente quello dell’evento di cessazione dal lavoro e l’evento stesso e,

– nell’anno solare dell’evento di cessazione dal lavoro,versato almeno un mese di contribuzione oppure avere un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa di durata pari almeno ad un mese e che abbia dato luogo a un reddito almeno pari alla metà dell’importo che dà diritto all’accredito di un mese di contribuzione.

Esempio:

Un collaboratore che perde il lavoro a giugno 2015 (per un rapporto iniziato a febbraio 2015 e senza attività lavorativa nel2014) potrebbe maturare il diritto alla DIS-COLL se in questo periodo sono stati versati e accreditati contributi ai fini pensionistici per almeno 1.166,10 euro (4.664,40112×4).

A quanto ammonta

Nei casi in cui il reddito di riferimento del collaboratore sia pari o inferiore nel 2015 a 1.195 euro [1] l’importo dell’indennità corrisponde al 75% del reddito medio mensile calcolato sull’anno di cessazione dal lavoro e sull’anno solare precedente.

Se il reddito di riferimento è superiore a 1.195 euro, il 75% di tale importo è incrementato del 25% della parte che eccede i 1.195 euro.

L’importo complessivo, comunque, non può superare 1.300 euro.

È prevista una riduzione progressiva della prestazione pari al 3% dell’indennità di ogni mese a decorrere dal 4° mese di godimento.

Per la Dis-Coll non è previsto il riconoscimento di contributi figurativi, mentre è ugualmente assoggettata a imposizione fiscale, essendo sostitutiva del reddito.

Durata

La durata del beneficio è parametrata alla storia contributiva dei lavoratori. Pertanto la corresponsione dell’indennità è prevista per un numero di mensilità pari alla metà delle mensilità di contribuzione relative al periodo di riferimento ovvero tra il 1° gennaio dell’anno solare precedente quello dell’evento di cessazione dal lavoro e l’evento stesso. Naturalmente non vengono computati nel calcolo per definire la durata della prestazione i periodi già considerati per l’erogazione di altre prestazioni di disoccupazione.

La durata massima dell’indennità è 6 mesi.

La Dis-Coll è corrisposta mensilmente per un periodo pari alla metà dei mesi o frazioni di essi di durata del rapporto o dei rapporti di collaborazione presenti nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno solare precedente l’evento di cessazione dal lavoro e fino al predetto evento.

Per continuare a godere dell’indennità è necessario che il collaboratore conservi lo stato di disoccupazione, oltre che partecipare regolarmente alle iniziative di attivazione del lavoratore e di ricerca attiva di una nuova occupazione e ai percorsi di riqualificazione professionale proposti dai servizi competenti.

Presentazione della domanda

Per ottenere l’indennità bisogna presentare domanda in via telematica all’Inps entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. Il diritto alla prestazione decorre non prima dell’ottavo giorno successivo alla cessazione del rapporto di lavoro oppure, superato questo termine, dal giorno successivo la presentazione della domanda.

Anche se la bozza di Dlgs sulle tipologie contrattuali prevede l’eliminazione del lavoro a progetto, non sono tuttavia eliminati i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa. In questo, peraltro, si trova coerenza nella previsione della Dis-Coll non solo per i lavoratori a progetto, ma appunto genericamente per i collaboratori coordinati e continuativi. Appunto perché non scompariranno a decorrere dal 1° gennaio 2016 tali figure, la Dis-Coll potrebbe essere estesa ad anni successivi al 2015, saranno necessari nuovi ed appositi stanziamenti.


REQUISITI

Non essere pensionati

Essere privi di partita IVA

Essere disoccupati involontari

Avere lo stato di disoccupazione (ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera c, del Dlgs 181/2000)

Tra il 1° gennaio dell’anno solare precedente e la disoccupazione: 3 mensilità di contribuzione

Nell’anno solare della disoccupazione: un mese di contribuzione o un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa di almeno un mese e che abbia dato luogo a un reddito almeno pari alla metà dell’importo che dà diritto all’accredito di un mese di contribuzione

note

[1] Rileva, a tal fine, il reddito mensile medio del periodo di riferimento che si ottiene dividendo il reddito totale imponibile ai fini previdenziali risultante dai versamenti contributivi effettuati e relativo ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa dell’anno di cessazione dal lavoro e dell’anno solare precedente per il numero di mesi di contribuzione, o frazione-di essi.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube