Diritto e Fisco | Articoli

Decreto ingiuntivo del condominio: niente mediazione

28 Aprile 2015
Decreto ingiuntivo del condominio: niente mediazione

L’incontro presso l’organismo scatterà solo in caso di opposizione, dopo che il giudice si sia pronunciato sulle istanze di concessione e sospensione della provvisoria esecuzione.

Sebbene la materia dei rapporti condominiali rientri tra quelle per le quali sussiste l’obbligo del previo tentativo di mediazione, come condizione per poter successivamente agire in giudizio, nel caso in cui l’amministratore agisca per recuperare gli oneri non riscossi e scelga di procedere con decreto ingiuntivo, non è tenuto al previo tentativo di mediazione. E ciò perché, tra i casi in cui la mediazione obbligatoria trova espressa deroga è proprio il ricorso al procedimento di ingiunzione.

Ricordiamo che la recente riforma del condominio ha anche imposto all’amministratore di agire, per la riscossione forzosa delle somme dovute dai condomini morosi, entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio nel quale il credito esigibile è compreso.

L’amministratore può agire anche senza la previa autorizzazione dell’assemblea; in altre parole egli può scegliere, nominare e conferire mandato all’avvocato difensore del condominio senza dover chiedere parere o conferma ai condomini.

In questo caso, peraltro, il codice civile dà la possibilità al condominio di ottenere [1] un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo, che è già titolo e consente di procedere in esecuzione forzata, anche senza attendere i consueti 40 giorni dalla notifica dell’atto, e anche in costanza di opposizione spiegata dal debitore (salvo la sospensiva eventualmente concessa dal giudice in prima udienza).

Per tornare alla mediazione, dunque, l’amministratore non deve, prima di agire, convocare il condomino moroso davanti all’organismo di mediazione: l’obbligo di mediazione scatterà, nel caso in cui il debitore proponga opposizione al decreto ingiuntivo, soltanto dopo che il giudice si sia pronunciato sulle istanze di concessione e sospensione della provvisoria esecuzione (ossia alla prima udienza).

In ultimo non deve trarre in inganno la nuova disciplina sulla negoziazione assistita dall’avvocato, secondo la quale tale ultima procedura è obbligatoria nelle cause per richieste di pagamento, a qualsiasi titolo, per somme fino a 50mila euro. La norma, infatti, fa prima salvi i casi in cui la fattispecie rientri in una delle materie per le quali è prevista la mediazione.


note

[1] Art. 63 co. 1, disp. att. cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube