Diritto e Fisco | Articoli

Affittacamere e B&B in condominio senza autorizzazioni

28 Aprile 2015
Affittacamere e B&B in condominio senza autorizzazioni

Bed and breakfast compatibili e leciti all’interno dell’edificio condominiale.

È libera l’attività di affittacamere, di bed and breakfast o alberghiera all’interno del condominio. Non c’è possibilità di limitare il diritto di proprietà del titolare dell’appartamento se l’uso che questi, in tal modo, ne fa non pregiudica le parti comuni, la stabilità, la sicurezza o il decoro architettonico del fabbricato.

L’unico limite potrebbe risiedere nel regolamento di condominio, a condizione però che sia stato approvato all’unanimità da tutti i condomini o si tratti di regolamento contrattuale (quello redatto dal costruttore e fatto approvare, da tutti gli acquirenti degli appartamenti, in sede di rogito notarile). Diversamente, fuori da questi casi, l’assemblea dei condomini non può mai vietare al proprietario di un appartamento di affittare le proprie stanze o di farne, addirittura, un uso alberghiero, come nel caso del B&B. Né tantomeno il proprietario è tenuto a chiedere autorizzazioni all’amministratore o all’assemblea stessa.

Il problema della eventuale compatibilità di tali attività con i regolamenti di condominio è tornata d’attualità con l’arrivo di Expo 2015 e, con esso, di numerosi turisti provenienti da tutte le parti del mondo. I proprietari di appartamento, per arrotondare il mese, stanno lanciando su internet offerte di alloggi a prezzi modici, specie nelle adiacenze di Milano.

Già in passato, la Cassazione [1] aveva sposato un orientamento permissivista: il regolamento di condominio (salvo appunto l’unanimità) non può vietare al singolo condomino di aprire un bed and breakfast nell’edificio. Del resto, l’attività di affittacamere non determina un mutamento della destinazione d’uso degli immobili utilizzati come “civile abitazione” e non implica conseguenze dannose per gli altri proprietari.

Non è possibile, dunque, stabilire a priori che l’attività di affittacamere comporti necessariamente conseguenze pregiudizievoli per gli altri condomini; è necessaria, piuttosto, una prova concreta in relazione al tipo di attività in concreto svolta dall’interessato. Ne consegue che, in generale, il proprietario di un’unità immobiliare posta in un edificio condominiale ha sempre libertà di adibirla a qualsiasi forma di utilizzazione.


note

[1] Cass. sent. n. 24707/14; n. 6299/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube