Diritto e Fisco | Articoli

Quali le quote di eredità da riservare ai parenti

28 Aprile 2015
Quali le quote di eredità da riservare ai parenti

I familiari che il testamento olografo deve rispettare nella divisione del patrimonio.

 

Non siamo liberi neanche da morti!, qualcuno potrebbe esclamare. Il codice civile [1] infatti dispone che l’eredità si devolve per legge o per testamento. Sebbene, in entrambi i casi, si debba sempre dare precedenza alla volontà del defunto, quest’ultimo però non può disporre, in modo totalmente libero, dei propri averi: può farlo, al contrario, solo con una parte della sua eredità, che viene chiamata “quota disponibile“. L’altra parte (cosiddetta “legittima”) è riservata per legge a determinati soggetti individuati dalla legge: una legge che non si può derogare in nessun caso. Dunque, che lo si voglia o meno, con o senza testamento, una buona fetta dei beni del de cuius (così viene detto, in gergo legale, chi passa a miglior vita) va a finire a determinati parenti (vedremo a breve quali e in che quote). L’unico modo per evitare ciò è che tali soggetti non esistano proprio o siano già defunti.

Prima di passare a individuare quali sono questi parenti che hanno sempre diritto a una parte dell’eredità, sciogliamo un equivoco: per mettere nero su bianco le nostre ultime volontà non dobbiamo per forza recarci da un notaio. Pur essendo il testamento un atto formale e non essendo ammesso il testamento orale, non è essenziale la presenza del notaio (che tutt’al più potrà servire solo nel caso in cui ci si voglia assicurare al 100% da eventuali distruzioni, smarrimenti o vicende simili: in quel caso avremo il cosiddetto testamento pubblico).

Il codice civile prevede un tipo di testamento, detto olografo, che ha la caratteristica di essere interamente redatto e sottoscritto dal testatore. Non usate il computer: dovete scriverlo a mano, come ai vecchi tempi. Non importa su che tipo di foglio (andrebbe bene anche una pergamena e, in casi estremi, è stato considerato valido anche il testamento scritto su di un muro).

Gli elementi formali del testamento olografo, richiesti dalla legge, sono:

– la scrittura autografa del testatore;

– la data (giorno, mese e anno);

– la sottoscrizione posta alla fine delle disposizioni.

Può essere conservato dall’autore stesso, affidato a una o più persone di fiducia oppure anche depositato presso un notaio.

Quote di eredità da riservare ai parenti

Come abbiamo detto in apertura, la legge pone un limite alla facoltà di disporre dei propri diritti riservando ai parenti più prossimi una quota di eredità anche contro la volontà del defunto. Tali soggetti sono:

– coniuge,

– figli nati nel matrimonio o fuori, nonché adottivi,

– discendenti dei figli,

– ascendenti nell’ipotesi di mancanza di figli.

Ecco come andrà ripartita l’eredità.

Solo coniuge

1/2 di eredità riservata al coniuge

1/2 di eredità disponibile

Coniuge e un figlio

1/3 di eredità riservata al coniuge

1/3 di eredità riservata al figlio

1/3 di eredità disponibile

Coniuge con più di un figlio

1/4 di eredità riservata al coniuge

1/2 di eredità riservata ai figli

1/4 di eredità disponibile

Solo un figlio (no coniuge)

1/2 di eredità riservata al figlio

1/2 di eredità disponibile

Due o più figli (no coniuge)

2/3 di eredità riservata ai figli

1/3 di eredità disponibile

Ascendenti legittimi (no coniuge)

1/3 di eredità riservata agli ascendenti

2/3 di eredità disponibile

Coniuge più ascendenti legittimi

1/2 di eredità riservata al coniuge

1/4 di eredità riservata ai legittimi

1/4 di eredità disponibile.


note

[1] Art. 457 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Dove si può verificare la data di applicazione di un articolo del codice civile ?
    Grazie e scusate l’ignoranza

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube