Diritto e Fisco | Articoli

Bolletta da fornitore luce-gas senza contratto

28 Aprile 2015
Bolletta da fornitore luce-gas senza contratto

Se ricevi la fattura per un contratto mai firmato: come difenderti dagli agenti e dalle truffe porta a porta.

L’avvento del periodo transitorio di convivenza tra il mercato libero e quello protetto per la luce e il gas ha portato con sé una tristissima storia fatta di abusi e frodi ai danni dei consumatori. È avvenuto e avviene, purtroppo, sempre più di frequente che gli utenti ricevano bollette per forniture riferite a contratti mai sottoscritti, da gestori quindi che non si conosce affatto. Com’è possibile?

Si tratta, per come è ovvio comprendere, di vere e proprie truffe, poste in atto da agenti molto scaltri che, bussando di porta in porta con la scusa di leggere l’ultima bolletta pagata, con la promessa di forti sconti, riescono a estorcere la firma su un modulo di richiesta di nuova fornitura. Risultato: il consumatore si trova vittima di un raggiro e ad avere un servizio in realtà mai richiesto.

A volte vengono utilizzate tecniche particolarmente aggressive che, con promesse di risparmi in realtà inesistenti, spingono il consumatore a passare da un fornitore a un altro. Salvo poi sperimentare che la bolletta non solo non è diminuita, ma è anche aumentata.

In tutto questo arriva la “buona notizia” – almeno secondo il Governo – che a breve scomparirà del tutto il mercato protetto e resteremo solo con quello libero (leggi: “Novità luce e gas: passeremo tuti al mercato libero”).

Per tutelare il cliente finale dal fenomeno dei contratti e delle attivazioni non richieste, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha definito una specifica procedura di gestione delle controversie in materia, volta a rimuovere gli effetti di tali contratti e ripristinando la situazione anteriore. Questa procedura è in vigore dal

giugno 2012 anche se, ancora, se ne sa poco. È bene, quindi, che i cittadini ne siano informati piuttosto che preoccuparsi e dover necessariamente ricorrere ai servizi di uno studio legale.

Con l’introduzione della nuova procedura l’Autorità ha previsto in capo ai venditori degli obblighi ben precisi.

In caso di contratti stipulati fuori dai locali commerciali, prima di presentare richiesta di switching al distributore (ossia chiusura del precedente contratto e passaggio a nuovo operatore), il venditore deve inviare al cliente una lettera di conferma e registrare la volontà contrattuale del cliente.

Da parte sua, il consumatore che viene a conoscenza di un contratto non richiesto deve inviare al venditore un reclamo scritto, da intestare nel seguente modo: “Reclamo per contratto non richiesto“. La comunicazione va spedita con raccomandata a.r.

 

– entro 40 giorni nel caso si riceva una lettera di conferma, che decorrono dalla data di consegna, da parte del venditore, della lettera all’operatore postale;

– entro 30 giorni in caso di chiamata di conferma, che decorrono dal giorno della chiamata;

– se il venditore non ha inviato la lettera, né effettuato la chiamata, il reclamo deve essere inviato entro 30 giorni dalla data di scadenza della prima bolletta emessa dal venditore non richiesto.

Il venditore dovrà rispondere al cliente, inviando copia della risposta e di tutta la documentazione che attesta l’eventuale regolarità del contratto allo Sportello per il Consumatore predisposto presso l’Autorità di energia e gas (che ha lo scopo di dare informazioni, assistenza e tutela ai clienti finali). Entro 10 giorni lo Sportello valuta la documentazione e controlla se effettivamente il contratto sia stato concluso dalle parti, nonché la relativa volontà di contrarre.

Il reclamo si considera fondato se la documentazione trasmessa dal venditore non è completa oppure se risulta che non ha assolto correttamente agli obblighi (lettera di conferma o chiamata di conferma).

Il cliente, però, si può rivolgere direttamente allo Sportello qualora, dopo 40 giorni da quando il venditore ha ricevuto il reclamo, non sia stata fornita alcuna risposta. Lo Sportello, in tal caso, si attiverà su segnalazione dell’utente.

Se il reclamo viene accolto, il venditore ha l’obbligo di riportare il cliente al contratto precedente (procedura di ripristino).


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube