Diritto e Fisco | Articoli

La polizza copre i danni da auto ferma per apertura di sportello?

29 Aprile 2015
La polizza copre i danni da auto ferma per apertura di sportello?

Le Sezioni unite della Cassazione intervengono sulla questione del sinistro stradale in assenza di movimento: il concetto di circolazione va intesto in senso ampio, comprendendo anche le operazioni di carico e scarico dei veicoli in sosta sulla pubblica via.

Che succede se l’incidente stradale si verifica a veicolo fermo? Mettiamo il caso (peraltro piuttosto frequente) dell’automobilista che, mentre scende dall’auto parcheggiata, nell’aprire lo sportello non si accorge del veicolo proveniente da dietro il quale, a sua volta, urta contro la carrozzeria oppure, per evitare la collisione, sbanda e va a sbattere contro un albero. La polizza obbligatoria rc- auto copre anche questo tipo di sinistri? La risposta è stata a lungo controversa in giurisprudenza, tant’è che sono dovute intervenire questa mattina le Sezioni Unite della Cassazione [1] a chiarire, una volta per tutte, la questione.

Polizza rc-auto a copertura ampia

La polizza rc- auto opera in occasione della circolazione stradale [2], ma l’interpretazione fornita dalla Suprema Corte al concetto di “circolazione” – evento in occasione del quale scatta quindi il risarcimento – è piuttosto ampia e non si limita solo al fatto materiale dell’uso dell’auto in movimento, ma ricomprende anche tutte le operazioni di carico e scarico sul veicolo in sosta. L’unica condizione è che l’auto si trovi nella pubblica via. Quindi, è ricompresa anche l’ipotesi dell’apertura di uno sportello o di un’altra sua parte. E ciò perché si tratta senz’altro di operazioni finalizzate all’avvio del mezzo nel flusso della circolazione.

La nozione di circolazione, si legge nella sentenza, comprende la posizione di arresto del veicolo. E ciò rispetto a tre ipotesi: in relazione all’ingombro che il veicolo determina negli spazi riservati alla circolazione; per le operazioni eseguite in funzione della partenza del mezzo o connesse alla fermata; per tutte le altre operazioni che il mezzo risulta destinato a compiere e per le quali può circolare nelle strade. In tali casi, dunque, deve ritenersi operante la garanzia assicurativa, sempre a condizione che il veicolo si trovi sulla pubblica via (o in un’area aperta al traffico come il parcheggio di un supermercato, di un cinema, ecc.).

Anche quando l’auto è ferma, allora, si trova in una situazione riconducibile alla circolazione e il conducente deve essere in grado di intervenire per evitare danni o pericoli di danno, facendo tutto il possibile per evitarli. L’assicurazione sarà tenuta a garantire eventuali danni provocati a terzi.


note

[1] Cass. S.U. sent. n. 8620/15 del 29.04.15.

[2] Art. 2054 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube