HOME Articoli

Lo sai che? Cause lunghe: vietato allungare i tempi anche se si vince il processo

Lo sai che? Pubblicato il 2 marzo 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 marzo 2012

Sanzionata l’azienda che allunga la causa contro il dipendente: obbligata a rimborsare le spese legali.

Anche se vince la causa contro il proprio dipendente, l’azienda che abbia allungato volutamente i tempi del processo, chiedendo continui rinvii, è tenuta a rimborsargli le spese del processo.

La Cassazione [1] è stata estremamente dura nei confronti di una ditta che, in causa col proprio lavoratore, aveva adottato una tecnica dilatoria per allungare i tempi processuali. Ogni cittadino ha diritto a ottenere un processo di “ragionevole durata”. Se si lede questa garanzia costituzionale si deve risarcire la controparte, rifondendole quanto anticipato per le spese legali [2].

Un principio – quello enucleato dalla Cassazione – che vale per qualsiasi tipo di giudizio e non solo in quelli tra datore di lavoro e dipendente.

È vero che il primo garante del processo è il giudice – che dovrebbe impedire condotte che ostacolino una veloce definizione del giudizio – ma è anche obbligo delle parti in causa [3] tenere comportamenti di carattere puramente defatigatorio.

note

[1] Cass. sent. n. 3189 del 1.03.2012.

[2] Ai sensi dell’art. 92 c.pc.

[3] Art. 88 c.p.c.: “Le parti e i loro difensori hanno il dovere di comportarsi in giudizio con lealtà e probità. In caso di mancanza dei difensori a tale dovere, il giudice deve riferirne alle autorita’ che esercitano il potere disciplinare su di essi”.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI