HOME Articoli

Lo sai che? Polizze assicurative con mutuo: condizioni trasparenti e comprensibili

Lo sai che? Pubblicato il 2 maggio 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 maggio 2015

Assicurazione che garantisce il pagamento delle rate: obbligatorio informare il cliente sulle condizioni di contratto.

L’obbligo di chiarezza delle compagnie assicuratrici e delle banche o finanziarie deve essere rispettato soprattutto con riguardo alle polizze assicurative contenute nel contratto di mutuo o comunque collegate al prestito, in quanto la soglia di attenzione del consumatore è di norma inferiore rispetto a quando stipula polizza e mutuo separatamente.

Così ha stabilito la corte di Giustizia dell’Unione europea in una recentissima sentenza, nella quale indica quali caratteristiche deve avere la polizza assicurativa conclusa dal cliente a garanzia di un prestito [1].

Spesso infatti banche e finanziarie, contestualmente alla stipulazione di un mutuo o finanziamento, fanno sottoscrivere al cliente anche un’assicurazione che garantisca il pagamento delle rate in caso di sua morte, infortunio, malattia e/o perdita di lavoro.

Il testo della relativa polizza però, generalmente, viene spiegato a grandi linee al cliente, il quale lo firma – assieme a moltissimi altri documenti – senza aver capito esattamente i rischi che l’assicurazione copre, o pensando siano compresi eventi in realtà esclusi.

Per evitare tali incomprensioni, la Corte di Giustizia ha precisamente specificato che l’obbligo di trasparenza non si esaurisce semplicemente sottoponendo al cliente un testo contrattuale chiaro e comprensibile.

La compagnia assicuratrice, la banca e la finanziaria devono infatti altresì:

– informare il cliente prima della conclusione del contratto con riguardo alle condizioni dell’impegno;

– illustrare come l’assicurazione si sostituisce nel pagamento delle rate in caso di inabilità totale al lavoro del mutuatario

– fornire ogni altra informazione utile a consentire al consumatore di sottoscrivere consapevolmente polizza e finanziamento, rendendolo in grado di valutare le conseguenze economiche che derivano dall’operazione che intende concludere. Ciò in quanto si presume che il consumatore si trovi in una situazione di inferiorità rispetto al professionista per quanto riguarda, in particolare, il grado di informazione.

Il mancato rispetto degli obblighi di trasparenza e informazione può quindi portare alle seguenti conseguenze, a seconda della gravità della violazione:

– applicazioni di sanzioni alla compagnia assicuratrice da parte dell’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private (ISVAP)

– la nullità totale o parziale della polizza

– l’interpretazione delle clausole ambigue a favore del consumatore.

note

[1] C. Giust. UE, Sez. III, 23 aprile 2015, C-96/14.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI