Diritto e Fisco | Articoli

Acquisto immobili a saldo e stralcio: cautele per un acquisto sicuro

4 Maggio 2015 | Autore:
Acquisto immobili a saldo e stralcio: cautele per un acquisto sicuro

Tutela di chi intende comprare un immobile in presenza di più debiti da parte del venditore-precedente titolare, in presenza anche di vendita con aste.

 

Soprattutto negli ultimi anni è sensibilmente cresciuta la partecipazione alla aste fallimentari o alle aste che concludono procedure di espropriazione di immobili. L’incremento della partecipazione alle aste è dovuto sia al periodo di crisi economica (uno stimolo a cercare i veri affari), sia dalla diffusione dei mezzi come Internet che agevolano la partecipazione anche remota alle aste giudiziarie.

Quando il titolare dell’immobile è sopraffatto dai debiti e c’è il rischio che i creditori possano rivalersi sui suoi beni, compresa la casa, onde evitare che l’immobile venga messo all’asta, si sta diffondendo la pratica di procedere, o di tentare di procedere, con le cosiddette vendite “a saldo e stralcio”. Ci si reca, cioè, dal creditore e dal proprietario dell’immobile e si cerca di chiudere un accordo “a tre” per acquistarlo, saldare il debito con il/i creditore/i.

Essenziale è cercare un accordo con tutti i creditori del proprietario dell’immobile posto all’asta e non solo con il principale di essi.

Fra i creditori (generalmente muniti di ipoteca) che compaiono nell’elenco di quelli interessati quando un immobile finisce alle aste immobiliari o fallimentari, si trova il condominio, la banca (nel caso in cui l’immobile sia stato pignorato a seguito del mancato pagamento delle rate del mutuo), Equitalia oltre a tutti gli altri che è possibile individuare richiedendo una visura alla locale Camera di commercio.

 

L’accordo transattivo, eventualmente raggiunto con i creditori, prevede solitamente una riduzione in percentuale dei debiti del proprietario a fronte dell’obbligo dell’acquirente di soddisfare subìto tutti i creditori del proprietario debitore. In pratica, l’acquirente risparmia qualcosa sul prezzo effettivo di vendita e, tuttavia, va a pagare i debiti dell’alienante.

È quindi fondamentale reperire tutti i creditori perché, in caso contrario, si rischia di acquistare un immobile e trovarsi successivamente ad affrontare debiti, pesi od oneri magari ingenti, che potrebbero trasformare uno sperato affare in un incubo.

Siglato l’accordo tra proprietario e (sperabilmente) tutti i creditori, ad esso seguirà un contratto preliminare di vendita (cosiddetto compromesso) tra il potenziale acquirente ed il proprietario-venditore che sta subendo l’esecuzione immobiliare.

Nel caso in cui il proprietario-venditore non si presenti alla stipula del contratto definitivo (il cosiddetto rogito notarile), l’acquirente potrà cautelarsi agendo contro di lui sulla base delle norme relative alla responsabilità precontrattuale [1] ed ottenendo, eventualmente, una sentenza che sostituisca il contratto di vendita vero e proprio (cosiddetta azione per l’esecuzione forzata dell’obbligo di contrarre).

Un’ultima importante annotazione per coloro che vogliano procedere all’acquisto di immobili attraverso questa procedura: solitamente il principale creditore (istituto bancario o società finanziaria o Equitalia) pretende il pagamento della somma loro dovuta (ridotta sulla base dell’accordo transattivo raggiunto) in un’unica soluzione e solo raramente in più rate.

Ciò riduce la possibilità di accordo a soggetti che abbiano comunque immediate disponibilità finanziarie o che possano, al più, godere di solido credito bancario.


note

[1] Art. 1337 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube