Diritto e Fisco | Articoli

Sanzioni fiscali anche a carico degli eredi

5 maggio 2015


Sanzioni fiscali anche a carico degli eredi

> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 maggio 2015



Pagamenti rateali: la decadenza dal beneficio si ripercuote anche sugli eredi.

Esiste il principio secondo cui le sanzioni fiscali non si trasmettono mai agli eredi, che sono tenuti a pagare solo l’imposta principale dovuta dal soggetto deceduto (cosiddetto “de cuius”). Ma questo caposaldo del diritto tributario sembra progressivamente scardinato dalle interpretazioni (a volte incomprensibili) dell’Agenzia delle Entrate.

E così, per esempio, secondo la Direzione Provinciale delle Entrate di Palermo [1], nel caso in cui il contribuente deceduto abbia avuto accesso a un piano di pagamento rateale, le sanzioni calcolate nel piano di ammortamento della rateazione sono dovute anche dagli eredi. In buona sostanza, gli eredi sono tenuti a continuare a pagare le rate per come concordate dal compianto parente, con tutte le sanzioni. Il paradosso, però, è che, nel caso invece in cui sia scattata la decadenza dalla rateazione per ritardato pagamento della rata da parte del soggetto deceduto, gli eredi possono chiedere lo sgravio delle sanzioni. Non resta che sperare che il de cuius non sia stato puntuale nei pagamenti!

L’interpretazione è stata fatta propria dalla Direzione Centrale Accertamento dell’Agenzia delle Entrate. Con una circolare del 20 aprile scorso la stessa ha chiarito quanto segue: a decadenza dal beneficio della rateazione determina il recupero delle residue somme dovute e l’applicazione della sanzione, in misura doppia, pari al 60% del residuo importo dovuto a titolo di tributo, come previsto dall’articolo 8, comma 3-bis, del decreto legislativo 218/1997, nel caso di mancato pagamento, a seguito di definizione dell’accertamento con adesione, anche di una sola delle rate diverse dalla prima.

Ciliegina sulla torta, l’Agenzia Entrate effettua controlli informatici sul rispetto delle rateazioni. Con questa precisazione:

– se la decadenza dalla rateazione si verifica prima della morte del contribuente, la sanzione aggiuntiva del 60% non viene applicata agli eredi in quanto soggetti che non hanno commesso la violazione;

– se, invece, la decadenza dalla rateazione si verifica dopo il decesso, scatta la sanzione in quanto la violazione si presume commessa dagli eredi. Resta fermo tuttavia l’obbligo di verifica se la decadenza sia intervenuta prima dell’accettazione dell’eredità.

note

[1] Direzione Prov. Ag. Entrate, direttiva dell’8.05.2012.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI