Diritto e Fisco | Articoli

Durante i permessi della legge 104 non si può andare in discoteca


Durante i permessi della legge 104 non si può andare in discoteca

> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 maggio 2015



Licenziamento per il lavoratore dipendente che prende il congedo per assistere il familiare disabile ma poi, la notte, viene pescato a ballare in un night.

Non esiste svago per chi prende i permessi della legge 104 dal lavoro per assistere il familiare disabile. Secondo la Cassazione, durante il periodo di congedo, non si può andare a ballare la notte in discoteca. È quanto risulta da una recente sentenza [1] che ha confermato, in casi ritenuti “gravi” come questo, il licenziamento del lavoratore.

Costituisce giusta causa di licenziamento – e quindi autorizza la cessazione in tronco del rapporto di lavoro – la condotta infedele del dipendente che, durante la fruizione di un permesso retribuito richiesto al datore di lavoro per assistere il parente con handicap, partecipa, in realtà, ad una serata danzante. E questo perché, secondo i giudici, quando si usufruisce di un giorno di permesso retribuito con la legge 104 del 1992, non è possibile dedicarsi, neanche a notte fonda, ad attività ludiche e, quindi, estranee alla finalità assistenziale per le quali tale legge è stata prevista. Insomma, le 24 ore devono essere a totale disposizione del parente incapace di attendere alle proprie attività. E il datore di lavoro che “peschi” il lavoratore, anche per un solo istante, in una occasione di uno svago o dedito ad attività personali può sanzionarlo con il licenziamento disciplinare.

Si tratta, infatti, secondo la Corte, di una condotta contraria al cosiddetto minimo etico, che giustifica la sanzione espulsiva anche in assenza di previa affissione del codice disciplinare.

Ricordiamo che la legge [2] consente al lavoratore di richiedere dall’impresa il godimento anche di un solo giorno di permesso retribuito tutte le volte in cui questi è preposto all’assistenza di un familiare disabile: in particolare, la fruizione fino ad un massimo di 3 giorni al mese di permessi retribuiti allo scopo di assistere persona con handicap in situazione di gravità è coperta, tra l’altro, da contribuzione figurativa. Ma tale permesso ha solo finalità assistenziali nei confronti di un parente portatore di handicap: pertanto l’utilizzo del periodo di sospensione retribuita per finalità estranee all’assistenza configura una condotta che porta diritti al licenziamento.

Non rileva il fatto che il lavoratore abbia utilizzato gran parte del permesso (e quindi della giornata) per l’assistenza, dedicando la residua parte del permesso al proprio svago (nel caso di specie, le ore notturne). La Cassazione aderisce alla tesi più rigorosa: per quanto tempo dura il permesso, per altrettanto tempo il lavoratore deve dedicarsi all’assistenza del familiare, senza poter avere ritagli per sé stesso. Neanche per pochi minuti.

La circostanza di utilizzare permessi retribuiti in base alla legge 104/92 per soddisfare esigenze personali risulta – si legge in sentenza – particolarmente odiosa sul piano sociale, in quanto il costo di tale situazione viene sopportato interamente dalla collettività, atteso che è l’ente di previdenza a farsi carico della retribuzione del lavoratore per le giornate di assenza e a subire, inoltre, gli effetti del mancato introito dei contributi per il relativo periodo di astensione dalla prestazione lavorativa.

note

[1] Cass. sent. n. 8784/15 del 30.05.2015.

[2] Art. 33, comma 3, della legge 104/92.

Autore immagine: 123rf com

Per leggere la sentenza per esteso clicca qui “Chi usa i permessi 104 non per assistenre il disabile è licenziato

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Chiedo……quindi se il permesso è di 24 ore e si può frazionare ,usufruendo solo di 6,30 cioè il mio orario lavorativo giornaliero,il resto della giornata non rimane vincolato?

  2. Allora se bisogna stare 24h con il disabile perché si è pagati per le ore giornaliere di contratto?E se uno come me fa i turni e chiede la giornata di permesso 104 un’ora prima che inizia il turno di lavoro(cosa che è regolare) e le ore già passate, che potrebbero essere 16 chi le ha controllate?

  3. Mi sembra una grandissima ca…volata perché la legge 104 può anche essere presa ad esempio per assistere un famigliare in ospedale, per sbrigare faccende burocratiche o personali legate al famigliare (ad esempio la spesa “grossa” al supermercato, pagare le bollette in posta) o per coprire la giornata libera della badante… Potrei AL LIMITE capire se il lavoratore fosse beccato al mare in orario di lavoro mentre doveva essere colla nonna, ma la sera mi sembra completamente assurdo. E lesivo della privacy del lavoratore.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI