Business | Articoli

Proroga invio del 730 approvata: le nuove scadenze

22 Maggio 2016
Proroga invio del 730 approvata: le nuove scadenze

Approvata da Padoan la proroga per il 2016 all’invio del 730 precompilato. Ecco le nuove scadenze.

Come anticipato sulle nostre pagine (leggi Proroga per la presentazione del 730), preannunciata e molto attesa, pare sia arrivata all’approvazione del Ministro Padoan la richiesta di proroga per la trasmissione del 730 precompilato. Il DPCM attenderebbe solo il vaglio del Consiglio, che a questo punto sarebbe scontato.

Secondo le fonti del quotidiano ItaliaOggi sarebbe dunque passata la richiesta che da più parti è giunta al Ministero per lo slittamento della presentazione della dichiarazione effettuata attraverso il modello 730 per tutti i contribuenti.

Proroga 730: è l’ultima volta

Si tratterà dell’ultimo caso in cui il 730 dovrà essere oggetto di proroga, perchè da quest’anno, come era stato preannunciato anche dal Viceministro Casero qualche settimana fa, la misura dovrebbe essere strutturale.

La modifica dovrà arrivare nel decreto semplificazioni, la cui approvazione è prevista prima dell’estate.

Proroga 730: Quali sono le nuove scadenze?

Le nuove scadenze ricalcheranno quanto previsto lo scorso anno, dunque  sempre entro il 7 luglio (ovvero l’attuale termine fissato dalla legge), i Caf e gli intermediari dovranno aver inviato all’Agenzia delle entrate una percentuale delle pratiche (negli anni scorsi è stata del 80%, mentre pare che quest’anno possa scendere ulteriormente al 70%).

Il resto delle pratiche potrà invece essere inviato entro il 23 luglio. Trattandosi per quest’anno di un sabato, è pressoché certo che il termine slitti al 25 luglio. Il termine slitterà prevedibilmente anche per i contribuenti che agiscano indipendentemente dagli intermediari.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Rispondi a Maurizio Tegoni Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube