Nuovo ISEE: le risposte a ogni dubbio

11 maggio 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 maggio 2015



Pubblicato l’elenco aggiornato delle domande sul nuovo Indicatore della Situazione Economica Equivalente.

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è uno strumento che serve per valutare la situazione economica delle famiglie italiane in modo da determinare, in base ad esso, eventuali tasse, contributi, agevolazioni, esenzioni e altro ancora.

In base all’ISEE, ad esempio, le Università calcolano la tassa che gli iscritti devono pagare, serve per valutare se si ha diritto o meno ad avere prestazioni sociali e sociosanitarie agevolate e così via. Per calcolare l’ISEE vengono presi in considerazione il reddito complessivo del nucleo familiare, il patrimonio (mobiliare e immobiliare) e le caratteristiche dei suoi componenti.

Come avviene spesso in Italia, i soliti “furbetti” riuscivano ad avere un ISEE basso e, quindi, a poter usufruire di agevolazioni pur avendo una buona situazione economica. Così il Governo a gennaio di quest’anno ha introdotto una riforma dell’ISEE in modo da avere un calcolo più equo e più corrispondente alla reale situazione economia della famiglia.

Da inizio 2015, quindi, per il calcolo dell’ISEE dovranno essere dichiarati redditi prima non presi in considerazione e sono state semplificate tutte le procedure connesse. Per venire incontro ai cittadini e aiutarli a orientarsi meglio sull’attuazione del nuovo ISEE, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha compilato un elenco di domande e risposte che viene aggiornato e revisionato periodicamente.

L’ultimo aggiornamento è stato pubblicato l’8 maggio 2015 ed è disponibile come documento allegato qui.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. E’ da tempo che trovo “aasurdo” che nel calcolo dell’ISEE debba essere incluso il patrimonio del convivente, ma che lo stesso convivente non possa essere dichiarato a carico in nessuno dei casi previsti per i familiari.
    Quale dovrebbe essere il motivo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI