Diritto e Fisco | Articoli

La Legge per Tutti 2.0. L’importanza di Internet nella Poor’s Economy

4 marzo 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 marzo 2012



La Legge per Tutti” si rinnova. L’unico portale in Italia che spiega la legge col linguaggio del cittadino ha cambiato pelle: nuova homepage e maggiore fruibilità di navigazione sono le novità volte a far fronte al “boom” di visite registrato nelle ultime settimane.

Il navigatore da oggi troverà una barra laterale con la suddivisione degli argomenti in categorie tematiche, studiate per raggruppare ogni esigenza dell’utente in rapporto alla vita quotidiana.

È stato inserito, nel menu, un tasto “last week” che unisce in un’unica pagina tutti i temi trattati nell’ultima settimana.

Abbiamo aumentato il numero di articoli presenti in homepage e ottimizzato la visualizzazione dell’archivio. Il motore di ricerca per argomenti è ora più funzionale.

Il servizio di consulenza istantanea “on demand” è stato implementato al meglio, al fine di consentire risposte immediate ai quesiti posti, nei forum, dai nostri lettori.

Anche sotto l’aspetto contenutistico, “La Legge per Tutti” offre una grande novità: la possibilità di conoscere, entro ventiquattro ore dall’uscita, le ultime sentenze emesse dalla Corte di Cassazione e dai principali tribunali italiani.

Dopo appena quattro mesi dalla sua nascita, “La Legge per tutti” si è rivelato un vero e proprio “caso nazionale”, trovandosi ad affrontare diverse migliaia di visite ogni giorno.

Un maestro del marketing insegnava: “Non chiederti ciò che tu puoi dare al mercato. Ma osserva ciò che il mercato chiede a te”. In questa ricerca ci siamo accorti che il cittadino, soprattutto quello di Internet, ha bisogno di “chiarezza” e “semplicità”: due concetti spesso compressi quando si parla di legge e giurisprudenza.

L’intenzione di “La Legge per Tutti” è stata, sin dall’inizio, quella di mettere una serie di “punti” sulle questioni più spinose e controverse del diritto, spiegando in modo chiaro e diretto – senza dissertazioni teoriche, tecnicismi o barocchismi – come la legge viene interpretata dai tribunali e, in definitiva, come il cittadino si deve comportare nella realtà concreta.

Abbiamo voluto restituire un prodotto – la legge – che, nata proprio per il cittadino, gli era stata sottratta dalle complessità del legislatore, dalle astrazioni della dottrina, dalle complicazioni degli interpreti e degli operatori.

Perché la legge, prima ancora di essere “uguale per tutti”, deve essere “per tutti”.

Ma i risultati di “La Legge per Tutti” segnano anche un’altra grande vittoria: quella della rete e dell’interazione “in tempo reale” tra professionisti e clienti/utenti.

C’è una sola risorsa, gratuita, in grado di rilanciare l’iniziativa del piccolo privato, senza bisogno di grossi investimenti o di rischi d’impresa: questa risorsa si chiama Internet.

Su questo dovrebbero credere e puntare le nuove generazioni, in un momento in cui la nuova “grande depressione” non consente molte aspettative dal mercato “fisico”. Potremmo dire che, dopo la New Economy, si affaccia la Poor’s Economy, l’economia dei “poveri”.

Forse non molti ancora – specie in Italia – hanno capito che il problema principale del nuovo millennio non è quello di vendere un prodotto in più, ma di essere sconosciuti alla grande platea globale.

Si tramanda una storia.

Un contadino, che per tutta la vita aveva zappato, con umiltà, il campo vicino casa, sul letto di morte chiamò a raccolta i propri figli. Essi si misero attorno al vecchio padre, ascoltando le ultime parole che aveva loro da dire.

“Figlioli – arrancò con un filo di voce. Sto morendo. Ma, prima di lasciarvi, voglio rivelarvi un segreto. Ho nascosto un tesoro nell’orto, però non ricordo più dove. Se saprete scavare con pazienza, lo troverete. E vivrete di rendita per il resto dei vostri giorni”.

I ragazzi – impazienti di fare soldi e di uscire dalla povertà – non ci pensarono due volte: presero le vanghe e le pale che mai avevano impugnato prima e, per tutto l’inverno, scavarono, zapparono, sudarono, dissotterrarono zolle di terra, rompendosi le schiene e procurandosi calli sulle giovani mani. Ma del tesoro nemmeno l’ombra.

Dopo aver lavorato un inverno intero senza alcun risultato, arrivò la primavera. E, abbandonate le speranze, i ragazzi decisero di interrompere le ricerche.

Non passarono molti giorni però che un timido sole fece maturare sul campo i primi germogli.

I figli assisterono stupiti a quel meraviglioso miracolo della natura, realizzato proprio grazie alla loro opera di scavo. E col raccolto riuscirono a vivere per tutto l’inverno successivo.

Allora capirono: il tesoro nascosto dal padre era il duro lavoro quotidiano che, con il sacrificio, prima o poi garantisce sempre i frutti per vivere.

Internet può essere questo per chi si vuole fare conoscere. È un piccolo campo, il web, dove chi più semina e ha pazienza di aspettare, più raccoglie.

Internet è anche il trionfo della meritocrazia perfetta. Non esistono “raccomandazioni” su Google per essere meglio indicizzati. Vince chi è più costante, più originale, più apprezzato dagli altri.

La rete consente di uscire fuori dall’anonimato del piccolo quartiere, garantisce un confronto con il mondo intero, con dinamiche di mercato globale.

Sempre più aziende, per la ricerca del personale, si affidano totalmente a Internet. Spesso si saltano persino i colloqui. I vecchi curricula sono andati ormai in pensione.

Viene anche valutato il “posizionamento” del candidato sui motori di ricerca. Chi dunque non si è attrezzato per tempo resta fuori da Google, dai motori e quindi dal mercato del lavoro. Un’ottica concorrenziale estremamente spietata, ma efficiente e dinamica.

Chi non esiste sulla rete, ormai, non esiste più neanche nella realtà.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI