Diritto e Fisco | Articoli

Agevolazione prima casa anche in caso di donazione

12 Maggio 2015
Agevolazione prima casa anche in caso di donazione

Restano i benefici fiscali a chi, entro 12 mesi dalla vendita della prima casa, ne riceve una seconda in donazione.

I contribuenti che, dopo aver venduto la “prima casa” acquistata con i benefici fiscali, anziché acquistarne un’altra entro i successivi 12 mesi, la riceveranno invece in donazione (ossia a titolo gratuito), non perderanno le agevolazioni. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate in una recente risoluzione [1] facendo così dietrofront su quello che, in passato, era stato il suo stesso parere [2].

Ricordiamo che i benefici sull’acquisto prima casa (tassazione agevolata, ai fini dell’imposta di registro o dell’Iva, nonché delle imposte ipocatastali) comportano l’obbligo di non rivendere l’immobile nei 5 anni successivi o, in caso di vendita dello stesso, l’obbligo di acquistarne un secondo (ove trasferire la propria residenza) entro i 12 mesi successivi. È proprio su tale obbligo di riacquisto della nuova casa che è intervenuto il chiarimento dell’amministrazione finanziaria. La legge, infatti, non chiarisce a quale titolo debba avvenire il secondo acquisto: ossia se a titolo oneroso (compravendita) o gratuito (donazione). Stante, dunque, il silenzio, va ricompreso sia l’uno che l’altro caso.

L’Agenzia delle Entrate non fa che recepire un orientamento già manifestato, in passato, dalla Cassazione. I giudici di legittimità avevano testualmente sancito che non deve essere revocata l’agevolazione per l’acquisto della prima casa laddove, in caso di cessione prima dei 5 anni dell’abitazione principale, l’acquisto entro un anno dalla predetta alienazione avvenga a titolo gratuito e non oneroso [3].

Al contrario, chi entro i 12 mesi dalla vendita della prima casa non ne acquista una seconda o non ne ottiene in donazione un’altra, è tenuto a pagare le imposte ordinarie, gli interessi e una sanzione del 30%.


Non perde i benefici fiscali ottenuti sull’acquisto prima casa il contribuente che, pur vendendo detto immobile prima di 5 anni, non ne compra un secondo entro 12 mesi ma – nello stesso termine – lo ottenga in donazione. Infatti, per mantenere l’agevolazione è necessario che il contribuente ponga in essere, entro 1 anno, un atto, a titolo oneroso o gratuito, cui consegua l’acquisizione del diritto di proprietà dell’abitazione.

note

[1] Ag. Entrate risoluzione n. 49/E dell’11.05.2015.

[2] Cfr. Ag. Entrate, circolare 6 del 26 gennaio 2001, la risoluzione 125/E del 3 aprile 2008 e la circolare 18 del 29 maggio 2013.

[3] Cass. sent. n. 16077/2013. Cass. sent. n. 5689/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube