Diritto e Fisco | Articoli

Incidenti stradali: se il guard-rail è rovinato o assente

12 maggio 2015


Incidenti stradali: se il guard-rail è rovinato o assente

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 maggio 2015



Risarcimento a carico del proprietario della strada se il danno poteva essere evitato avendo a cura le barriere laterali.

Il Comune è responsabile per tutti i danni procurati agli automobilisti quando, in occasione di un incidente stradale, questi siano andati a sbattere contro i margini della strada e, non trovando l’ostacolo dei guard-rail a contenere la sbandata, abbiano riportato lesioni o ammaccature al mezzo. E ciò vale anche quando il sinistro si sia verificato per un concorso di colpa del danneggiato: se, infatti, il danno poteva essere evitato o ridotto in presenza di barriere di protezione più adeguate, l’ente pubblico non si salva dalla condanna.

Lo ha chiarito la Cassazione in una recente sentenza [1].

Secondo la Suprema Corte, il proprietario della strada – che nel caso di specie era il Comune – è tenuto a un obbligo di vigilanza continua sulla struttura posta sotto la sua custodia; ne consegue la sua responsabilità oggettiva [2] per tutti i danni procurati proprio per causa della mancata adeguatezza del manto stradale o delle barriere di protezione.

Dunque, quando il guard-rail manca o risulta inadeguato il Comune è responsabile dell’incidente come custode della strada: il fatto che a cagionare il sinistro abbia contribuito la condotta colposa dell’utente non basta a escludere la responsabilità dell’amministrazione se il danno sia stato determinato, anche solo in parte, all’assenza o all’inadeguatezza delle barriere di protezione.

Esiste un complesso blocco normativo – spiegano i Supremi giudici – che impone al custode dell’infrastruttura, responsabile anche delle pertinenze, di dotare le strade di adeguate protezioni laterali: si tratta di leggi e regolamenti che disciplinano le caratteristiche tecniche e di costruzione delle barriere di sicurezza da utilizzare sulle reti stradali. Ma trattandosi di una materia ad alto contenuto tecnico, serve sempre un vaglio specifico di un consulente tecnico d’ufficio (CTU) per accertare se e in quale misura l’installazione della barriera prevista per quel tipo di strada avrebbe potuto almeno ridurre le drammatiche conseguenze dell’incidente se non impedire l’uscita di strada dell’auto.

note

[1] Cass. sent. n. 9547/2015 del 12.05.15.

[2] Art. 2051 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI