Quali sono i paradisi fiscali: l’elenco aggiornato dal Ministero

17 Maggio 2015 | Autore:
Quali sono i paradisi fiscali: l’elenco aggiornato dal Ministero

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha rivisto la black list dei Paesi a fiscalità privilegiata eliminando quelli che si sono resi disponibili allo scambio di informazioni con l’Italia.

 

I Paesi con regime fiscale privilegiato (cosiddetti paradisi fiscali) sono quelli che prevedono un’imposizione fiscale assente o nettamente ridotta rispetto a quella italiana oppure non si rendono disponibili ad un adeguato scambio di informazioni con gli altri Paesi, così generando poca trasparenza in ambito normativo e permettendo la facile elusione/evasione fiscale.

I paradisi fiscali sono inseriti in una “black list” (lista nera) che viene costantemente aggiornata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con apposito decreto.

Più precisamente viene redatta una black list relativa alle persone fisiche cioè ai cittadini italiani che spostano la propria residenza in uno dei Paesi a fiscalità privilegiata e una black list relativa alle società italiane collegate e controllate che hanno sede nei paradisi fiscali [1].

Quest’ultima lista, necessaria per individuare il regime fiscale applicabile e la deducibilità o meno dei costi delle transazioni, è stata di recente aggiornata in base ai nuovi criteri di individuazione dei Paesi a fiscalità privilegiata [2].

Difatti, la Legge di stabilità 2015, al fine di favorire l’attività economica e commerciale transfrontaliera delle imprese italiane, ha previsto come unico criterio rilevante per la redazione della black list sulla indeducibilità dei costi relativi a transazioni effettuate con giurisdizioni estere, la mancanza di un adeguato scambio di informazioni con l’Italia. In altri termini, deve considerarsi paradiso fiscale quello che, a prescindere da una diversa tassazione più favorevole, non consente lo scambio di informazioni con l’Italia.

In base a tale criterio sono stati eliminati dalla black list tutti quei Paesi con cui l’Italia ha siglato un accordo per lo scambio di informazioni fiscali (Filippine, Malesia e Singapore).

Ecco dunque l’elenco aggiornato dei Paesi rientranti nella black list relativa alle società controllate e collegate:

Andorra, Bahamas, Barbados, Barbuda, Brunei, Gibuti (ex Afar e Issas), Grenada, Guatemala, Hong Kong, Isole Cook, Isole Marshall, Isole Vergini statunitensi, Kiribati (ex Isole Gilbert), Libano, Liberia, Liechtenstein, Macao, Maldive, Nauru, Niue, Nuova Caledonia, Oman, Polinesia francese, Saint Kitts e Nevis, Salomone, Samoa, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Sant’Elena, Sark (Isole del Canale), Seychelles, Tonga, Tuvalu (ex Isole Ellice), Vanuatu.


note

[1] Art. 110 e 167 del TUIR.

[2] D.M. 27 aprile 2015 con cui è stato modificato il D.M. 23 gennaio 2002.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube