Business | Articoli

Finanziamenti per biblioteche digitali aperte al pubblico

27 Maggio 2016 | Autore:
Finanziamenti per biblioteche digitali aperte al pubblico

Il MIUR finanzia 500 biblioteche innovative nelle scuole; il bando ammonta a 5 milioni di euro, come fare richiesta.

Sono ben 5milioni gli euro stanziati dal ministero per le scuole che vogliono cimentarsi nella riqualifica delle proprie biblioteche.

Ecco i dettagli.

Biblioteche innovative: quali obiettivi?

Ecco quali sono gli obiettivi del bando biblioteche digitali innovative finanziato dal MIUR:

  • il contrasto alla dispersione scolastica. La realizzazione o l’adeguamento di biblioteche scolastiche innovative, concepite come centri di informazione e documentazione anche in ambito digitale;
  • favorire un’apertura della scuola al territorio, con possibilità di utilizzo degli spazi e delle risorse informative, cartacee o digitali, anche al di fuori dell’orario scolastico, in coordinamento con altre scuole e in sinergia con le politiche territoriali in merito e con le istituzioni e i sistemi bibliotecari locali;
  • la promozione dell’educazione all’informazione (information literacy) e della lettura e della scrittura, anche in ambiente digitale.

Biblioteche digitali: cosa viene finanziato?

Il bando finanzia biblioteche digitali aperte al territorio anche al di fuori dell’orario scolastico, dovranno difatti essere fruibili dagli studenti, dai cittadini e dalle famiglie.

L’innovazione proposta dal bando è la fruibilità dei testi in formato digitale, dunque questo implica un processo di informatizzazione del patrimonio librario delle scuole e la previsione di abbonamenti digitali per riviste e quotidiani.

Biblioteche digitali: chi può partecipare al bando?

Sono ammesse a partecipare al bando scuole statali di ogni ordine e grado, dall’infanzia alla secondaria. Ogni progetto ammesso al finanziamento riceverà fino a 10 mila euro.

Potranno essere create o riqualificate 500 biblioteche.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube