Diritto e Fisco | Articoli

Pensione di reversibilità: spetta anche al separato con addebito

19 Maggio 2015 | Autore:
Pensione di reversibilità: spetta anche al separato con addebito

Il diritto scatta anche nei confronti di chi sia stato ritenuto responsabile della rottura del matrimonio: irrilevante il requisito dello stato di bisogno.

 

Come noto, alla morte di un familiare, il coniuge di questi, i figli e, in alcuni casi, anche altri congiunti hanno diritto a percepire una percentuale della sua pensione (cosiddetta pensione di reversibilità) in presenza di determinate condizioni indicate dalla legge (sul punto leggi le guide: Pensione di reversibilità e La pensione ai superstiti: guida pratica). Tra i soggetti beneficiari dell’emolumento vi è anche il coniuge separato, al quale il diritto va riconosciuto nonostante la sentenza di separazione sia stata con “addebito” a suo carico, essendo stato ritenuto responsabile per il fallimento del matrimonio. È quanto ha chiarito la Cassazione in una recente pronuncia [1].

 

La Corte richiama i suoi precedenti provvedimenti [2] e ricorda che (a seguito della pronuncia della Corte costituzionale [3] che ha annullato il divieto [4] di erogazione della pensione di reversibilità al coniuge separato per colpa), detto beneficio va riconosciuto anche al coniuge separato con addebito; quest’ultimo va equiparato sotto ogni profilo al coniuge superstite (separato o non) nei cui confronti opera la presunzione legale di vivenza a carico del lavoratore al momento della morte.

Secondo la Corte, infatti, per entrambi i predetti soggetti [5] l’unico requisito per ottenere la pensione di reversibilità è quello dell’esistenza del rapporto coniugale col defunto (pensionato o assicurato) e non, invece, i diversi requisiti (richiesti, invece, per i figli maggiorenni, per i genitori superstiti e per i fratelli e sorelle del defunto, ecc.) della “vivenza a carico” al momento del decesso del coniuge, e dello stato di bisogno.

A riguardo, i supremi giudici precisano che la Consulta non ha mai individuato – per poter beneficiare della pensione – ulteriori condizioni rispetto a quelle valide per il coniuge non separato con addebito; e ciò – si legge in sentenza – nonostante che essa abbia in più occasioni [6] basato le proprie pronunce sull’esigenza di assicurare al coniuge la continuità di quei mezzi di sostentamento che, in caso di bisogno, il defunto coniuge sarebbe stato tenuto a fornire all’ex, se pur separato con addebito.

In altre parole, anche se alla morte del coniuge il diritto del marito/moglie superstite alla pensione di reversibilità mira ad evitare a quest’ultimo, anche se separato con addebito, il rischio di trovarsi in stato di bisogno, tale stato di bisogno non rappresenta, tuttavia, una condizione necessaria per il riconoscimento del diritto.


note

[1] Cass. ord. n. 9649 del 12.05.2015.

[2] Cfr. Cass. sent. n. 9314/11, n. 24802/10, Cass. n. 6684/09 e n. 15516/03.

[3] C. Cost. n. 286/87.

[4] Art. 24 L. 30 aprile 1969 n. 153, e art. 23 co. 4 della L. 18 agosto 1962, n. 1357.

[5] L. 21 luglio 1965, n. 903, art. 22.

[6] cfr. C. Cost. sent. n. 1009/88 n. 450/89, n. 346/93 e n. 284/97.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube