Diritto e Fisco | Articoli

A quale coniuge spettano le detrazioni sui figli?

19 Maggio 2015
A quale coniuge spettano le detrazioni sui figli?

Genitori: gli sconti fiscali a chi sostiene le spese per i figli, sia nel caso di matrimonio che di separazione e affidamento congiunto o condiviso.

Il tema delle detrazioni per i figli a carico costituisce sempre un argomento di interesse per le famiglie, non solo quelle ormai separate.

La detrazione per i figli a carico va obbligatoriamente ripartita al 50% tra i due coniugi, a meno che uno dei due non sia a carico dell’altro. In alternativa, previo accordo tra loro, la detrazione può essere attribuita interamente solo al genitore con reddito più alto. Questa diversa soluzione è prevista solo se l’altro genitore ha un reddito molto contenuto e, per effetto di oneri o altre detrazioni, non deve pagare l’Irpef.

In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio), la detrazione per i figli spetta al genitore affidatario. Se l’affidamento è congiunto o condiviso, la detrazione, in assenza di diverso accordo, è ripartita al 50% tra i genitori. Attenzione a non confondere il termine “affidamento” con quello di “collocazione”: si tratta di due concetti diversi. L’affidamento (che indica i poteri e i doveri del genitore sul minore ossia la ripartizione della responsabilità genitoriale) è di norma condiviso (l’affidamento esclusivo è previsto solo in casi eccezionali); mentre la collocazione del minore (che indica ove questi andrà fisicamente a vivere e risiedere) viene sempre accordata a uno dei due, di norma la madre.

Ove il genitore affidatario, o nel caso di affidamento congiunto uno dei genitori affidatari, non possa usufruire in tutto o in parte della detrazione per limiti di reddito, la stessa è attribuita per intero all’altro genitore che è però tenuto a riversare all’ex coniuge il relativo importo.

A quanto ammontano le detrazioni base

Le detrazioni base (da ripartire al 50% tra i genitori) spettanti per i figli e gli altri familiari a carico per l’anno in corso sono così determinate:

1 – Figlio di età inferiore a 3 anni: 1.220 euro, decrescenti in proporzione all’aumento del reddito.

Per chi ha più di tre figli a carico, la detrazione è aumentata di 200 euro per ciascun figlio già a partire dal primo. La detrazione aumenta di 400 euro per ogni figlio portare di handicap. Se si hanno almeno 4 figli si ha anche diritto all’ulteriore detrazione di 1.200 euro complessivi.

2 – Figlio di età pari o superiore a 3 anni: 950 euro, decrescenti in proporzione all’aumento del reddito. Anche in questo caso, come sopra, per chi ha più di tre figli a carico, la detrazione è aumentata di 200 euro per ciascun figlio già a partire dal primo. La detrazione aumenta di 400 euro per ogni figlio portare di handicap. Se si hanno almeno 4 figli si ha anche diritto all’ulteriore detrazione di 1.200 euro complessivi.

3 – Altro familiare a carico (es. genitore): 750 euro, decrescenti in proporzione all’aumento del reddito.

 

Ovviamente le detrazioni spettano solo se il familiare è a carico, cioè se il figlio possiede redditi, al lordo degli oneri deducibili, non superiori a 2.840.51 euro. Questo limite è fermo da circa 20 anni e si auspica un prossimo aggiornamento.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube