Diritto e Fisco | Articoli

Visita medica di controllo dell’Inps per malattia: le giustificazioni

20 maggio 2015


Visita medica di controllo dell’Inps per malattia: le giustificazioni

> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 maggio 2015



Assenza ingiustificata: se arriva il medico fiscale e non sei a casa, ecco quali sono i casi di giustificato motivo che ti eviteranno il licenziamento e la perdita dell’indennità.

Se hai dichiarato al tuo datore di lavoro di essere malato, e questi ha fatto richiesta all’Inps di visita fiscale, hai una sola scelta: farti trovare a casa dal medico incaricato. Se, infatti, sarai assente, per te ci sarà, non solo la perdita dell’indennità di malattia, ma anche e soprattutto il rischio di licenziamento (per maggiori approfondimenti sul tema leggi “Che succede se non sei reperibile alla visita fiscale di controllo”). Né chiedendo un successivo esame medico, attraverso una visita ambulatoriale, riuscirai a recuperare: infatti, a prescindere dall’esistenza della malattia, il lavoratore che non si faccia trovare dal medico fiscale ai nuovi orari di reperibilità è sempre sanzionato. Tanto per fare un esempio, seppur effettivamente bloccato da una lombo sciatalgia, il dipendente che si metta in auto ed esca per fatti propri commette illecito disciplinare (la sanzione del licenziamento, tuttavia, se la malattia è davvero sussistente, è stata ritenuta, dalla giurisprudenza, eccessiva).

Esiste un solo modo per non perdere l’indennità e non ledere la fiducia del datore di lavoro: dimostrare – e l’onere è a carico del lavoratore – che l’assenza è stata dovuta a giusta causa. Dunque tutto si gioca nel stabilire cosa possa essere “giusto” o meno. Lo possiamo intuire sulla scorta di quelli che sono stati gli indirizzi seguiti, sino ad oggi dai giudici.

QUANDO L’ASSENZA È GIUSTIFICATA

Le sanzioni non vengono comminate nei seguenti casi:

ricovero ospedaliero

periodi già accertati da precedente visita di controllo;

assenza dovuta a giustificato motivo.

L’Inps ha individuato alcune ipotesi di giustificato motivo; eccole:

– forza maggiore

– situazioni che abbiano reso imprescindibile e indifferibile la presenza personale del lavoratore altrove;

– concomitanza di visite, prestazioni e accertamenti specialistici o di visite medico-generiche quando si dimostri che le stesse non potevano essere effettuate in ore diverse da quelle corrispondenti alle fasce orarie di reperibilità [1]. A nulla rileva che il lavoratore abbia prima comunicato la propria assenza al datore di lavoro o all’Inps: è necessario invece che egli acquisisca la documentazione idonea a giustificare la propria assenza qualora la visita domiciliare venga comunque effettuata nella giornata.

Anche i giudici hanno, dal canto loro, cercato di identificare cosa si debba intendere con “giustificato motivo”. In generale viene visto come ogni fatto che, secondo la comune esperienza, possa rendere plausibile l’allontanamento del lavoratore dal proprio domicilio, senza che ciò sia per lui un motivo di convenienza od opportunità: insomma, deve trattarsi di una situazione di necessità improvvisa, che renda indifferibile la sua presenza in luogo diverso da casa. Ecco alcuni esempi:

– allontanamento del lavoratore per ritirare, presso gli uffici sanitari, delle radiografie collegate alla malattia in atto [2] oppure per farsi praticare un’iniezione purché risulti che tale trattamento fosse davvero non rinviabile [3];

– lavoratore che si reca dal medico curante perché impossibilitato a conciliare l’orario di ricevimento con le fasce di reperibilità [4];

– assenza finalizzata a far constatare l’eventuale guarigione della malattia, al fine della ripresa lavorativa [5];

– esigenza del lavoratore di recarsi con urgenza presso lo studio del medico specialistico per sottoporsi a cure dentistiche [6];

– assenza per effettuare un ciclo di cure presso un istituto convenzionato [7];

recarsi in farmacia purché l’esigenza sia indifferibile (sarà necessario produrre gli scontrini) [8];

attività di volontariato che non può essere realizzata in tempi diversi da quelli delle fasce orarie [9].

 

 

QUANDO L’ASSENZA È INGIUSTIFICATA

 

Nel caso in cui il lavoratore, assente dal proprio domicilio al momento dell’arrivo del medico, vi faccia immediatamente ritorno prima che quest’ultimo si allontani dall’abitazione, potrà ugualmente ricevere la visita di controllo (con rettifica del referto, qualora sia stata annotata l’assenza); ma bisogna distinguere due situazioni:

– se il lavoratore si trovava presso una pertinenza della propria abitazione (v. cantina, garage, ecc.), l’iniziale irreperibilità non è configurabile come assenza ed il medico deve annotare la circostanza sul referto già redatto;

– se il lavoratore proviene da un luogo esterno al domicilio, si è un presenza di un’assenza sanzionabile anche se il medico ha potuto comunque effettuare la visita di controllo. Nel referto deve essere annotata l’esatta provenienza del lavoratore ai fini dell’irrogazione della sanzione.

Peraltro il lavoratore perde l’indennità di malattia anche se non aveva un intento fraudolento o elusivo di sottrarsi all’obbligo di reperibilità alla visita di controllo: è sufficiente che questi non riesca a dimostrare che l’assenza è stata dovuta all’impossibilità – se non con notevole disagio e grave pregiudizio – di soddisfare le proprie esigenze terapeutiche al di fuori delle fasce orarie di reperibilità [10].

note

[1] Cass. sent. n. 3921/2007.

[2] Trib. Milano, sent. del 16.01.1988,

[3] Cass. sent. n. 14503 del 23.12.1999.

[4] Cass. sent. n. 4247/2004.

[5] Cass. sent. n. 8012/2006.

[6] Cass. sent. n. 12458/1998.

[7] Cass. sent. n. 8012/2006.

[8] Trib. Milano sent. del 5.09.1990.

[9] Cass. sent. n. 2604/1990.

[10] Cass. sent. n. 7254/1998.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. SE L’INPS NON VIENE INCARICATA DAL DATORE DI LAVORO NON PUO’ E NON DEVE ATTIVARE LA VISITA DOMICILIARE FISCALE DEL LAVORATORE DIPENDENTE. ATTESO AD OGNI BUON CONTO CHE LA TUTTORA VIGENTE LEGGE 562/1926 “Disposizioni relative al contratto d’impiego privato”, PREVEDE CHE IL TRATTAMENTO RETRIBUTIVO DELL’IMPIEGATO E’ POSTO TOTALMENTE A CARICO DEL DATORE DI LAVORO, PER I SOLI LAVORATORI AVENTI QUALIFICA DI IMPIEGATO. PER QUESTI E’ PREVISTO IL PAGAMENTO DELLA INTERA RETRIBUZIONE PER IL 1° MESE DI MALATTIA E DELLA META’ PER I SUCCESSIVI 2 MESI SE L’ANZIANITA’ DI SERVIZIO NON SUPERA I 10 ANNI ; E IL PAGAMENTO DELLA INTERA RETRIBUZIONE PER I PRIMI DUE MESI E DELLA META’ PER I MESI SUCCESSIVI, SE L’ANZIANITA’ E’ SUPERIORE A 10 ANNI. CORDIALMENTE..

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI